image
sims
Cerca nel Portale
Accedi
Recupera le credenziali.
Registrati al Portale per ricevere la Newsletter ed accedere ai servizi.
S.I.G.M. su...

Chi c'è in linea?
 51 visitatori online
Utenti : 18595
Contenuti : 2337
Link web : 5
Tot. visite contenuti : 10305578
Contatti


Licenze Creative Commons

Notice

IL SIMEG RICEVUTO PRESSO IL MINISTERO DELLA SALUTE PER PORTARE LE PROPOSTE DEI GIOVANI MEDICI SUL TEMA DELLA CARENZA DI MMG

In data 22 ottobre una delegazione del Dipartimento di Medicina Generale (SIMeG) deI Segretariato Italiano Giovani Medici (SIGM) è stata ricevuta presso gli uffici tecnici del Ministero della Salute per discutere in merito alle proposte, in via di elaborazione da parte del Ministero, in tema di carenza dei medici di famiglia e di riforma del sistema delle Cure Primarie. E’ stato consegnato in tale occasione un documento (Link) relativo all’evoluzione della Formazione Specifica in Medicina Generale alla luce della prevista carenza di Medici di Medicina Generale.

La nostra Associazione si riserva di esprimere le proprie valutazioni non appena sarà possibile prendere visione della proposta del Ministero, auspicando che possano essere prese in considerazione le posizioni delle realtà giovanili non sindacalizzate che si riconoscono nei principi culturali della Medicina Generale, definiti da WONCA, e nei principi delle Cure Primarie.

 

I GIOVANI MEDICI SIGM: "IRRESPONSABILE L'ABOLIZIONE DEL NUMERO PROGRAMMATO A MEDICINA"

Da una nota stampa relativa al DL sulla Legge di Stabilità 2019 pubblicata sul sito del Governo, al punto 22, si fa riferimento all’ "Abolizione del Numero Chiuso a Medicina".

Da 10 anni l'Associazione Italiana dei Giovani Medici " SIGM promuove iniziative e manifestazioni di piazza per richiedere una PROGRAMMAZIONE SANITARIA per il nostro SSN pubblico che tenga conto dei fabbisogni professionali reali del paese ancorati sul dato epidemiologico e socio-demografico e l'abolizione del numero chiuso si oppone fortemente alle logiche di programmazione e meritocrazia.
Alla luce della recente notizia che sconvolge tutti, non ci esimiamo di alcune considerazioni:
  • La Formazione medica è l’unico ambito in cui due diritti fondamentali sanciti dalla nostra costituzione, il diritto all’istruzione e il diritto alla salute, devono contemperarsi e bilanciarsi in un equilibrio che è garanzia per la qualità delle cure.
  • Un cambiamento drastico come l’abolizione del numero programmato aprirebbe le porte a un numero di studenti non sostenibile per il sistema formativo andando ad arrecare grave danno al SSN in un momento storico in cui è già ampia la pletora di medici neolaureati che non possono accedere alla formazione medica post-lauream per l’ormai cronica mancanza di investimenti.
Come il sistema garantirà la formazione ai futuri medici? Come potrà permettere una formazione specialistica a un  numero potenzialmente decuplicato di medici quando già oggi riesce a garantire le risorse per nemmeno la metà degli attuali laureati? Altro che programmazione!

Attendiamo la lettura del testo del DL ma, se si dovesse confermare una siffatta misura, chiediamo già da ora la disponibilità a tutte le associazioni di categoria, a tutti i giovani medici, a tutto il mondo della sanità scendere in piazza!

La salute e le risorse umane della sanità sono un valore non una merce; la definzione del contingente di medici e di professionisti dell’area sanitaria da formare va sottoposto a programmazione quali-quantitativa a tutela della salute dei cittadini; ed il sistema di selezione per l’accesso alla formazione ed al mondo del lavoro deve essere trasparente, meritocratico e  non discrezionale.

Quello della formazione medica pre e post lauream, rappresenta l’unico ambito in cui il diritto allo studio dello studente deve trovare un punto di equilibrio con la tutela del diritto alla salute del cittadino.

Oggi come ieri, più che mai per tutelare il futuro del nostro SSN.
#weLoveSSN #mediciSenza Futuro #SalviamoLaSanità
 

NO A QUALSIASI TENTATIVO DI DEQUALIFICARE LA FORMAZIONE IN MEDICINA GENERALE! AI TAVOLI TECNICI VENGANO CONVOCATI ANCHE LE ASSOCIAZIONI DEI GIOVANI MEDICI!

Pur non potendo esprimerci nel merito, poiché non invitati al tavolo sulla formazione specifica in Medicina Generale e l’accesso alla professione tenutosi in data 11 ottobre us, riteniamo fondamentale che con questo governo i giovani medici possano essere ascoltati su tematiche che hanno dirette ricadute su di loro.

Con il presente comunicato inoltre, vogliamo ribadire la nostra assoluta contrarietà a qualsiasi forma di condono o di accorciamento del percorso formativo, che vada a compromettere la già precaria qualità della formazione Specifica in Medicina Generale.

In un momento delicato e di transizione per il nostro SSN è importante che ogni cambiamento e ogni decisione riguardante la professione medica siano quanti più condivisi possibili con tutte le parti sociali portatrici di interesse.

 

 

Associazione Italiana Giovani Medici - SIGM

Chi si cura di te?

Federspecializzandi

Movimento Giotto

Wonca Italia

 

immage
Tutti i diritti riservati.

I contenuti del Portale sono soggetti
a Licenza Creative Commons.