Contratti regionali: la Commissione Bilancio ARS ha recepito le richieste dei Giovani Medici

0

Si sono conclusi i lavori della Commissione Bilancio dell’ARS sul Ddl della Finanziaria Regionale e sul Bilancio Regionale. Apprendiamo (Fonte Assessori al Bilancio ed alla Formazione, oltre che numerosi Parlamentari regionali di tutte le compagini partitiche) che al capitolo 417316 “CONTRIBUTO ANNUO ALLE UNIVERSITA’ DI PALERMO, CATANIA E MESSINA PER L’ISTITUZIONE DI ULTERIORI BORSE DI STUDIO PER LA FREQUENZA ALLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE NELLE FACOLTà DI MEDICINA E CHIRURGIA sono stati previsti i circa 15 milioni di euro necessari per la copertura della spesa corrente relativa ai contratti in essere per all’anno 2013, nonché i fondi utili a garantire la copertura delle obbligazioni pregresse, dovute alle Università per l’estinzione del debito contratto dalla Regione, pari a circa 12 milioni di euro per il 2014 ed a circa 6 milioni di euro per il 2015. Inoltre, con un intervento aggiuntivo, effettuato nella giornata odierna, sono stati impegnati ulteriori 2,8 milioni di euro per il 2013 da destinare al finanziamento di contratti aggiuntivi regionali per l’annualità corrente, da mettere a concorso nel corrente anno accademico 2012/2013 a favore degli aspiranti specializzandi siciliani.

Tale risultato, laddove confermato in sede di approvazione finale in aula da parte del Parlamento Siciliano, rappresenterebbe un risultato di straordinaria importanza in quanto:
1) si metterebbero le Università nelle condizioni di garantire un puntuale flusso stipendiale per gli specializzandi di tutti gli anni di corso (anche per l’attuale primo anno)
2) sarebbe disponibile un numero di contratti aggiuntivi regionali all’incirca pari a quelli messi a concorso per lo scorso anno, seppur con la disponibilità finanziaria di copertura relativa alla sola prima annualità. Se questa previsione venisse confermata, la Regione, l’Assessorato alla Formazione in particolare, potrebbe reperire le risorse relative alle ulteriori annualità, attingendo al Fondo Sociale Europeo.

Le Sedi SIGM di Catania, Messina e Palermo, pertanto, non possono esimersi dall’esternare soddisfazione per l’operato della Commissione Bilancio, oltre che ancor prima della Commissione Sanità, presso le quali nelle scorse settimane il SIGM è stato ascoltato in formali audizioni, che hanno permesso di documentare le criticità ed i disservizi connessi alla non regolare corresponsione degli stipendi, unitamente alla mancata tutela del diritto all’accesso alla formazione specialistica per i giovani medici siciliani. Le predette audizioni, unitamente alla manifestazione regionale messa in scena dalle Sedi SIGM di Catania, Messina e Palermo in data 22 aprile 2013, hanno consentito di sensibilizzare adeguatamente tanto il Governo Regionale quanto tutti i gruppi parlamentari dell’ARS.

Nonostante ciò, però, alla luce delle precedenti esperienze, che hanno fatto registrare in passato un cambio di rotta rispetto a quanto approvato nelle Commissioni Parlamentari in sede di approvazione finale del testo della Finanziaria e del Bilancio Regionale, il SIGM invita tutti i colleghi alla cautela, e propongono di continuare l’astensione dalle attività assistenziali ordinarie, fatte salve le attività essenziali, sino alla conclusione dell’iter parlamentare di approvazione. Il SIGM, inoltre, monitorerà i lavori di Aula, che riprenderanno lunedì 29 aprile 2013, riservandosi, laddove se ne ravvisasse la necessità, di invitare i colleghi specializzandi titolari di contratto regionale e gli aspiranti specializzandi a tornare a manifestare in data 30 aprile 2013 (è stato già ottenuto dal SIGM il relativo permesso all’utilizzo del suolo pubblico), giornata ultima per il completamento dell’iter di approvazione.

Le Sedi SIGM di Catania, Messina e Palermo

Share.

About Author

Leave A Reply