CONTRATTI REGIONALI: IL MINISTRO GIANNINI SMENTISCE LA REGIONE SARDEGNA

0

CONTRATTI REGIONALI: NEL QUESTION TIME DEL 29.07.15 IL MINISTRO GIANNINI SMENTISCE LA REGIONE SARDEGNA.

I GIOVANI MEDICI SARDI HANNO AVUTO UN’ULTERIORE CONFERMA DELLA POCA CONSIDERAZIONE A LORO RISERVATA DA QUESTA GIUNTA REGIONALE

Cari colleghi,

durante il “question time” che si è svolto nella giornata di ieri, il Ministro Giannini ha ripercorso le scadenze previste nel Regolamento del Concorso di accesso alle scuole di specializzazione 2014/2015, ed ha affermato che la Regione Sardegna, con una nota ufficiale inviata lo scorso 13 Aprile, dichiarò che “a causa della mancanza di risorse finanziare da destinare alla predetta finalita’, non avrebbe potuto finanziare contratti di formazione specialistica medica aggiuntivi”.

Il fatto che già il 13 Aprile la Regione Sardegna abbia deciso di non finanziare alcun contratto aggiuntivo, senza peraltro comunicarlo formalmente alle associazioni di categoria, nè alla stampa, conferma la poca considerazione che i nostri governanti hanno nei confronti di una intera generazione di Medici Sardi. Ci si chiede, quindi, perché illudere tanti colleghi e pubblicare mezzo stampa false speranze su fondi reperiti in una notte d’estate, relativi a soli 24 contratti aggiuntivi, comunicati comunque senza rispettare i tempi e le modalità indicati dal MIUR.

Gli aspiranti specializzandi Sardi che in questi giorni stanno svolgendo le prove concorsuali 2014/2015 sono oltre 300, per 192 contratti disponibili destinati agli atenei con sede in Sardegna, 238 se per gonfiare la cifra si vogliono conteggiare i contratti destinati alle scuole di specializzazione con sede in atenei non sardi (come i 4 contratti di chirurgia toracica destinati all’Università Sapienza, condivisi con i colleghi dell’Università di Perugia e Roma Tor Vergata!). Numeri comunque insufficienti per garantire la formazione dei tanti giovani che vorrebbero semplicemente formarsi nella loro terra ed acquisire il titolo di Specialista necessario per poter lavorare un giorno nelle corsie degli ospedali sardi. Ricordiamo, poi, che i contratti Ministeriali messi a bando non sono destinati ai residenti Sardi, ma a tutti i colleghi dello stivale che opteranno per formarsi in Sardegna.

Chiediamo a gran voce che tutte le forze politiche si concentrino sin da ora sul prossimo concorso 2015/2016, in modo da reperire i fondi necessari per poter garantire la formazione di chi si dovrà occupare della cura di tutti i cittadini Sardi, non in maniera indiscriminata, ma sulla base delle reali esigenze del nostro territorio e, quindi, attraverso una corretta programmazione del fabbisogno di figure mediche specialistiche da qui ai prossimi 10 anni.

C’è in gioco il futuro della Sanità Sarda, ed una regione che non finanzia sul futuro della Sanità, sulla qualità della formazione Specialistica, è destinata inesorabilmente al collasso. I tanti giovani, medici e non medici, che oggi non riescono a formarsi in Sardegna, continueranno, come già sta accadendo da qualche anno a questa parte, ad emigrare in altre Regioni o Paesi in cui essere realmente valorizzati, lasciando probabilmente un vuoto difficilmente colmabile.

Il Direttivo SIGM Giovani Medici Cagliari

LE TESTUALI PAROLE DEL MINISTRO GIANNINI:
La regione Sardegna, in quello stesso periodo, con una nota del 13 aprile, aveva comunicato formalmente al mio Ministero che, per l’anno 2014-2015 – cito –, a causa della mancanza di risorse finanziarie
da destinare alla predetta finalità – cioè quella per i contratti aggiuntivi – non avrebbe potuto finanziare contratti di formazione specialistica medica aggiuntiva rispetto a quelli previsti.
Quindi, questa è l’evidenza del fatto che non sono pervenuti nei tempi indicati e con le modalità indicate segnali specifici formali e sostanziali da parte della regione Sardegna.


LINK ALLO STENOGRAFICO (Pag. 61 e ss.)
http://www.camera.it/leg17/410?idSeduta=0471&tipo=stenografico#sed0471.stenografico.tit00090.sub00030

GUARDA IL VIDEO DEL QUESTION TIME DEL 29.07.15 DAL MIN 18 AL MIN 22

LE TAPPE E LE SCADENZE DEL CONCORSO 2014/2015:

1) NOTA DEL 2 APRILE: IL MIUR SOLLECITA LE REGIONI AD ATTUARE RAPIDAMENTE TUTTI GLI ADEMPIMENTI PER IL FINANZIAMENTO DEI CONTRATTI AGGIUNTIVI

2) NOTA DEL 13 APRILE. LA SARDEGNA COMUNICA FORMALMENTE CHE PER L’ANNO 2014/2015, “A CAUSA DELLA MANCANZA DI RISORSE FINANZIARIE DA DESTINARE ALLA PREDETTA FINALITA’, NON AVREBBE POTUTO FINANZIARE CONTRATTI DI FORMAZIONE SPECIALISTICA MEDICA AGGIUNTIVI”.

3) 21 MAGGIO: IL MIUR HA INDICATO ALLE REGIONI LE MODALITA’ ED I TEMPI PER PRESENTARE IL NUMERO DEI CONTRATTI AGGIUNTIVI.

4) ENTRO LE ORE 15 DEL 25 MAGGIO: I CONTRATTI AGGIUNTIVI SEGNALATI DALLE REGIONI POTEVANO ESSERE INDICATI ED INTEGRATI NEL BANDO.

5) 4 GIUGNO E 16 GIUGNO: LA SARDEGNA INOLTRA AL MIUR DUE NOTE IN CUI CHIEDE LA PROROGA DEI TERMINI PER AGGIUNGERE 24 CONTRATTI. TERMINI ORMAI AMPIAMENTE SCADUTI, CHE SE PROROGATI AVREBBERO PROVOCATO LO SLITTAMENTO DELLE PROVE. SECONDO IL REGOLAMENTO CONCORSUALE, INFATTI, LA PROVA D’ESAME PER OGNI TIPOLOGIA DI SCUOLA DEVE SVOLGERSI ALMENO ENTRO 60 GIORNI DALLA PUBBLICAZIONE DEL BANDO.

Share.

Leave A Reply