Browsing: Lavoro

Cari amici,

Questa sezione è stata creata per favorire la possibilità di condividere opportunità di lavoro.

MARTINO MASSIMILIANO TRAPANI

Annunci

LA SICILIA NON è UNA REGIONE CHE VALORIZZA I GIOVANI MEDICI! NESSUN CONTRATTO AGGIUNTIVO è STATO FINANZIATO DALLA REGIONE PER FAVORIRE L’ACCESSO ALLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE DEI GIOVANI MEDICI SICILIANI. L’ENNESIMA BEFFA DOPO LE ULTIME SELEZIONI PER L’ACCESSO AL CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE, LADDOVE ERA STATA CONFERMATA UNA INIQUA TASSA DI ISCRIZIONE ED ERA STATO RIDOTTO IL NUMERO DI BORSE.

COMUNICATO STAMPA ASSOCIAZIONE ITALIANA GIOVANI MEDICI (SIGM) – SICILIA Con la emanazione del Decreto n. 617 dell’8 luglio 2019 il MIUR ha reso noti i contratti statali (n. 8000) ed i contratti aggiuntivi a finanziamento regionale (n. 612) e da parte dei privati (n. 164) da mettere a concorso nel corrente a.a. 2018/2019 per l’accesso alle scuole di specializzazione riservate ai medici. Quest’anno le prove, svoltesi il 2 luglio 2019, per la prima volta si sono tenute prima che i posti da distribuire alle Università fossero resi noti. Questo anche per dare tempo alle Regioni di comunicare al MIUR l’impegno di spesa a copertura dei contratti aggiuntivi da assegnare attraverso il concorsone nazionale. Purtroppo, i giovani medici siciliani hanno dovuto prendere atto, a malincuore, del mancato stanziamento di contratti aggiuntivi da parte della Regione Sicilia, a differenza degli anni precedenti. <<La Sicilia si conferma una Regione che non valorizza i propri giovani medici!>> – dichiarano le Sedi Siciliane dell’Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM). Il riferimento è alla polemica sollevata dal SIGM Sicilia, esattamente un anno fa, in occasione della pubblicazione del bando relativo alle selezioni per l’accesso al corso regionale di formazione specifica di medicina generale per il triennio 2018/2021. In quell’occasione, infatti, i Giovani Medici siciliani  avevano contestato la decisione dell’Assessorato Regionale alla Salute di prevedere il versamento da parte dei concorrenti di 50 euro su un conto intestato all’OMCeO Provinciale di Palermo quale contributo per le spese di organizzazione delle medesime selezioni. Iniziativa questa che non trovava precedenti nelle altre Regioni Italiane. Inoltre, il bando di concorso, pubblicato il 22 giugno 2018, prevedeva, rispetto al precedente anno, una riduzione del numero di borse da 120 a 110. Ed adesso, si registra l’ulteriore beffa in occasione delle selezioni per l’accesso alle scuole di specializzazione!  <<Lamentiamo un atteggiamento schizofrenico della Regione che, a fronte degli annunci in risposta alla carenza di medici specialisti in alcuni settori strategici per il Servizio Sanitario Regionale, da un lato, si dichiara a favore dell’incremento degli accessi ai corsi di medicina – annunciando al contempo il sostegno alla discutibile iniziativa di attivare la quarta facoltà di medicina e chirurgia della Regione presso una università privata – arrivando addirittura a paventare anche il ricorso a medici pensionati e, dall’altro, non finanzia contratti aggiuntivi per garantire il diritto allo studio e l’accesso alla formazione post lauream dei propri giovani medici.>> – affermano le Sedi Siciliane del SIGM. <<Siamo stanchi di rivolgere appelli ai politici!>> incalzano i Giovani Medici siciliani – <<Non ci resta che invitare quei colleghi che non dovessero trovare giusta collocazione, dopo le procedure di assegnazione dei contratti agli idonei vincitori, a considerare seriamente l’ipotesi di emigrare all’estero.>> Le Sedi Siciliane SIGM

Concorsi

La Camera approva il “Decreto Calabria”. Il Segretariato Italiano Giovani Medici è soddisfatto per l’accoglimento di alcune istanze suggerite ma permangono grosse perplessità e preoccupazioni su qualità della formazione specialistica e per quello che riguarda la Medicina Generale.

Cari Colleghe e Colleghi, Apprendiamo a mezzo stampa che nella notte di venerdì e’ stato approvato alla Camera il disegno di legge per la conversione in legge del decreto-legge 30 aprile 2019, n. 35 (Decreto Calabria) recante oltre a misure emergenziali per la regione Calabria anche modifiche urgenti in termini di formazione post-lauream. L’Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM) aveva espresso forte disappunto e preoccupazione circa la proposta avanzata con un emendamento del M5S che proponeva la possibilità di conferire per gli anni 2019 e 2020 incarichi con contratto di lavoro autonomo di durata non superiore a 2 anni e non rinnovabili, a medici già in pensione che non avessero superato i 70 anni l’assunzione in formazione-lavoro come contratto subordinato a tempo determinato da parte delle aziende ospedaliere per i colleghi in formazione specialistica A nostro avviso sembrava l’ennesimo tentativo di costringere i colleghi in formazione specialistica a farsi carico delle falle del SSN con ruoli e responsabilità da personale strutturato in assenza di una corrispondente tutela economica e contrattuale. Certi che in gioco non ci fosse solo il futuro dei giovani medici ed una lotta generazionale di categoria ma anche e soprattutto la qualità del nostro Sistema Sanitario Nazionale Universalistico e la tutela del cittadino, avevamo avanzato un documento di risposta contenente proposte e soluzioni pragmatiche a quello che ormai sembra un leitmotiv senza via di uscita (http://www.quotidianosanita.it/lavoro-e-professioni/articolo.php?articolo_id=74481&fbclid=IwAR1KDGcXZukAXCls-2WdsiqzAmz0ZEcgE4lsv0-1Rcp_cdF-33ROCXf3sSQ). Esprimiamo soddisfazione nell’apprendere che su parere contrario della Commissione Bilancio, l’emendamento sull’assunzione dei colleghi in pensione si stato bocciato. Ma non solo. Apprendiamo inoltre favorevolmente il tentativo di stabilizzazione dei colleghi all’ultimo anno in formazione specialistica ai quali venga offerta la possibilità di assunzione nelle aziende sanitarie con contratti di lavoro subordinato.  Le Aziende sanitarie potranno procedere, fino al 31 dicembre 2021, all’assunzione dei colleghi, inquadrati con “qualifica dirigenziale e al relativo trattamento economico […]secondo le disposizioni del Contratto collettivo nazionale di lavoro del personale della dirigenza medica e veterinaria del Servizio sanitario nazionale […]. Inoltre a decorrere dalla data del conseguimento del relativo titolo di formazione medica specialistica, “coloro che sono assunti ai sensi del presente comma verranno inquadrati a tempo indeterminato nell’ambito dei ruoli della dirigenza del Servizio sanitario nazionale” (Articolo 12-Disposizioni sulla formazione in materia sanitaria e sui medici di medicina generale).  I colleghi vedranno pertanto davanti a loro un continuum formativo ed assistenziale che potra’ tutelare il cittadino, non esposto alla mercé di figure temporanee e precarie, ma di professionisti inquadrati che potranno continuare un percorso nelle strutture Ospedaliere. Ciò che ci lascia perplessi è tuttavia il tema della “formazione parziale”: non vorremmo assistere ad un ulteriore tentativo di scardinare la qualità della formazione medica specialistica, che non è in discussione e non deve essere oggetto di mercanteggiamento. Ma in che modo, sopratutto, nell’erogazione della propria attività assistenziale il medico in formazione specialistica potrà continuare la sua formazione? Su questa battaglia si gioca la partita della qualità del Sistema Sanitario Nazionale del futuro e pretendiamo che non vengano vanificati gli sforzi che abbiamo profuso per ottenere una formazione che rispetti standard qualitativi: con sconcerto ci accorgiamo di essere gli unici, con pochi altri, a difendere questi concetti nei confronti delle forze parlamentari, nonostante molti facciano della qualità della formazione il proprio cavallo di battaglia. Forti preoccupazioni e perplessità vengono invece espresse dal dipartimento di Medicina Generale (SIMeG) per le novità in merito alla Medicina Generale. Il decreto dispone che fino al 31 dicembre 2021, i laureati in medicina e chirurgia idonei all’ammissione al corso triennale di formazione specifica in medicina generale, che risultino già incaricati, per almeno 24 mesi anche non continuativi negli ultimi 10 anni possano accedere al corso stesso tramite graduatoria riservata, senza borsa di studio e nei limiti di spesa previsti.” Il Dipartimento SIMeG, che si esprimerà nello specifico attraverso un comunicato che verrà pubblicato nei prossimi giorni, ritiene che questa decisione presenti vari aspetti critici e non valorizzi adeguatamente il valore della Formazione in Medicina Generale e della meritocrazia nell’accesso ai percorsi di formazione post-laurea. Ben conscio dei problemi dell’imbuto formativo nell’accesso ai percorsi di formazione e specializzazione, non ritiene però che questo possa essere risolto attraverso l’accesso di colleghi con criteri non meritocratici, ovverosia scavalcando la graduatoria di merito stilata dopo svolgimento di apposito concorso, per il fatto di aver lavorato almeno 24 mesi nei settori della Medicina Convenzionata. Considera inoltre ancora più grave il fatto che i colleghi che dovessero accedere ai corsi di formazione attraverso tale modalità non riceveranno una borsa di studio. Questo ovviamente non darebbe loro la possibilità di dedicare alla formazione la maggior parte della loro attività lavorativa, ed andrebbe certamente a scapito della qualità della stessa. In tema di laurea abilitante, esprimiamo soddisfazione nella proroga dell’entrata in vigore del DM. 9 maggio 2018,n. 58, la cui applicazione tempestiva non avrebbe consentito una omogenea e universale riorganizzazione del percorso formativo-professionalizzante degli studenti prossimi alla laurea. Il nostro auspicio, nonché ambito su cui ci impegneremo a vigilare, è che il tempo utile offerto dalla proroga venga utilizzato per strutturare al meglio una riforma del corso di laurea in medicina e chirurgia, che lo renda realmente abilitante ed omogeneo sul territorio italiano. A tal fine ribadiamo la necessità che tale riordino debba comprendere: – una calendarizzazione dei tirocini clinici all’interno dei semestri formativi e la definizione di obiettivi professionalizzanti da certificare su apposito libretto-diario; – l’istituzione di una commissione validatrice degli stessi, attualmente prevista per il post- laurea, ma non per il pre-laurea. – la corretta e anticipata informazione degli studenti circa le effettive nuove modalità di svolgimento della prova scritta – l’istituzione di una commissione nazionale atta a redigere la prova scritta, con l’attenzione che essa sia sì valutativa delle competenze del concorrente, ma che non vada a costituire un ulteriore blocco nel percorso di immissione nel campo del lavoro, aggravando il già drammatico imbuto formativo. Ribadiamo tuttavia come questo decreto sancisca uno spartiacque tra le tendenze del passato ed una nuova volontà di accogliere le nostre istanze, che sono le istanze di una intera classe di professionisti  che mira a salvaguardare l’interesse del cittadino, sia esso nella veste di medico o di fruitore del Servizio Sanitario Nazionale. Ciò apre una proficua strada di dialogo con le varie forze politiche con le quali ci auguriamo di poter continuare a discutere costruttivamente in un’ottica di sana risoluzione dei problemi della formazione post-lauream e non solo.

Lavoro

Carenza MMG: proposta del SIMeG di attivazione part-time del Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale

In un documento inviato al Ministero della Salute, il Simeg, il Dipartimento del SIGM (Segretariato Italiano Giovani Medici), che si occupa della Medicina Generale, propone di attivare il part-time per il Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale (CFSMG) per ovviare alla situazione di imminente carenza di MMG. “Sempre più spesso si parla di carenza di Medici di Medicina Generale e del rischio che questo comporterà, ovvero lasciare i cittadini privi dei medici di riferimento nell’ambito dell’assistenza primaria. Ecco, quindi, una proposta che ci auguriamo sia da stimolo per l’apertura di una discussione volta ad elaborare soluzioni percorribili, scongiurando lo scenario apocalittico che vede il futuro delle cure primarie sempre più carenti di Medici di Medicina Generale”: è quanto sottolineato dai Giovani Medici del Simeg in una proposta inviata al Ministero della Salute “atta esclusivamente a tamponare la situazione emergenziale causata da una scarsa o assente programmazione.”   “Per la nostra Associazione l’obiettivo prioritario rimane la necessaria e non ulteriormente rimandabile evoluzione della Formazione Specifica in Medicina Generale in senso accademico con l’istituzione di una Scuola di Specializzazione in Medicina Generale, di Comunità e Cure Primarie per la formazione dei futuri Medici di Famiglia – spiega nel documento il Simeg. La proposta, suddivisa in quattro punti, prevede: possibilità di esercitare la professione per i corsisti in formazione specifica in Medicina Generale (FSMG); deroga temporanea al massimale in aree carenti di MMG solo per medici che rientrino in una AFT o in altre forme associative; attivazione del corso part-time; facilitazioni in graduatoria per MMG formatisi in aree carenti. In questo modo, come riportato nel documento, scegliendo l’opzione del corso part-time, il corsista avrebbe la possibilità di acquisire una quota di assistiti già durante il periodo di formazione, coprendo un’area carente ed operando all’interno di una forma associativa. Il corso part-time avrebbe una durata superiore a quello ordinario, in quanto le attività formative sarebbero distribuite su più anni, per permettere al corsista di dedicare tempo all’attività assistenziale. Il vantaggio per il corsista sarebbe triplice: ricevere una parte della quota capitaria prevista da ACN per ogni assistito, integrare formazione e lavoro sul campo ed essere facilitato, una volta finito il corso, nell’inizio dell’attività lavorativa. “Il Segretariato Italiano Giovani Medici – conclude il Simeg – si rende disponibile per definire e precisare i contenuti del presente documento. Ribadiamo inoltre la necessità di porre in essere gli strumenti per un’adeguata e reale stima del fabbisogno di medici, tenuto anche conto delle mutate condizioni demografiche ed epidemiologiche del nostro Paese. Riteniamo ancora una volta indispensabile la creazione di un modello di Cure Primarie forte ed efficiente, dotato di professionisti capaci di mettere in atto un nuovo paradigma di assistenza indispensabile a rispondere ai bisogni di salute che il nuovo secolo pone come sfida ai sistemi sanitari. Alla luce di ciò reputiamo indispensabile investire nella formazione dei professionisti, tra i quali un ruolo indispensabile svolgono i Medici di Medicina Generale, a cominciare dall’evoluzione in disciplina accademica della Medicina Generale. Respingiamo fermamente, pertanto, ogni tendenza a svalutare il ruolo e il significato della formazione dei nuovi Medici di Medicina Generale.”   In attesa, dunque, dell’istituzione della scuola di specializzazione in Medicina Generale, di Comunità e Cure Primarie, la soluzione avanzata dal Simeg si propone di “rispondere alle esigenze formative dei giovani medici in corso di FSMG e, nel contempo, ai fabbisogni di salute delle realtà carenti di MMG.”   Di seguito il Link al documento ed il Link all’infografica

Concorsi

Nuove opportunità lavorative (e di crescita professionale) per giovani medici specialisti in Alto Adige (N.B. non serve più il bilinguismo)

L‘Azienda sanitaria dell’Alto Adige offre nell’ambito della propria rete ospedaliera vari posti per medici in disciplina di pediatria, ginecologia/ostetricia, anestesia e medicina d’urgenza per gli Ospedali di Merano-Silandro, Bressanone-Vipiteno, Brunico-San Candido e Bolzano. Offre, in poche parole, una collaborazione tramite contratti a tempo determinato – a condizioni economicamente molto interessanti – e con modelli lavorativi flessibili. Si tratta di contratti a tempo determinato, rinnovabili fino a tre anni, senza necessità dell’attestato di bilinguismo ma con l’opportunità di frequentare gratuitamente un corso di lingua (grazie al quale conseguire il patentino di bilinguismo necessario per accedere ai contratti a tempo indeterminato). Contratti, quindi, su cui poter investire visto che l’Azienda intende attuare un progetto a lungo termine per richiamare neospecialisti di valore che, acquisita la competenza linguistica attraverso i corsi messi a disposizione, potranno agevolmente concorrere per la stabilizzazione a tempo indeterminato. Nel sito http://www.asdaa.it/it/offerte-di-lavoro.asp sono pubblicati gli avvisi per pneumologo, medico di medicina nucleare, anestesista, medico d’emergenza-urgenza, pediatra e ginecologo con scadenza il 30 giugno 2017. Prossimamente potrebbero aprirsi posizioni per specialisti in ortopedia, dermatologia, oculistica, neurologia, medicina interna e otorinolaringoiatria. In caso di interesse ad una futura collaborazione con l’Azienda Sanitaria dell’Alto Adige potete far riferimento a carriera@asdaa.it segnalando di aver letto l’annuncio sul Portale dei Giovani Medici.

Annunci

CERCASI MEDICO DEL LAVORO IN FRANCIA

  Possibilità di un’esperienza professionale in Francia per un medico specialista in medicina del lavoro presso un Servizio Interimpresa di Medicina del Lavoro, situato nell’Ardèche del Nord, poco a sud di Lione, dotato di medici, tecnici specializzati (ergonomia, tossicologia industriale, psicologia del lavoro), personale di segretariato e amministrativo – opportuno avere le basi della lingua francese;- previsto uno stage iniziale (gratuito) per perfezionare la lingua e per apprendere la modalità di lavoro (visite di idoneità, di assunzione, periodiche, di ripresa dopo malattia; visite e interventi in azienda…) insieme ai medici e al personale del Servizio;- durata: almeno sei mesi dopo lo stage iniziale (durata probabilmente estensibile). Una presenza alternata puo’ essere presa in considerazione, ma l’esperienza mostra che non è la soluzione più semplice;- condizioni di lavoro favorevoli e esperienza professionale sicuramente molto valida; relazioni umane e professionali di qualità; – possibilità di intraprendere formazioni specifiche spesate, anche diplomanti, durante la permanenza, se sufficientemente lunga, e di approfondire lo studio della lingua francese;- trattamento economico interessante, nel quadro di un contratto regolare; – previste facilitazioni per l’alloggio. Contattare: doct. Davide Sali davide.sali@free.fr07/1745Santé au Travail du Haut-VivaraisBP 10 – Parc de la Lombardière07430 Davézieuxtél 04 75 67 72 90 – fax 04 75 67 05 39    

Annunci

MEDICI DEL LAVORO CERCASI

MEDICI DEL LAVORO CERCASI!!!! In tutti i casi si offre Contratto a tempo Indeterminato. 1) Centro ospedaliero in Picardie, a 70 km da Parigi e 60 km da Amiens, cerca un medico del lavoro per rinforzare la sua équipe. Si offre un Contratto a tempo Indeterminato con 20 giorni di riposo che si affiancano alle ferie. (E’ vicino all’aeroporto di Parigi Beauvais, aggiungo un questionario perché é un’ottima opportunità!) 2) Servizio Interentreprise di medicina del lavoro in Sud Alsace, vicino a Strasburgo e Zurigo, cerca Medico del lavoro per una équipe formata da 22 medici del lavoro, 3 collaboratori, 5 infermieri di medicina del lavoro. Settori BTP (edilizia) et DATR. Orario flessibile. 3) Lorraine-Meuse, a 80 km da Nancy, 10 Medici del lavoro e 8 segretarie, un’équipe tecnica. Il nostro cliente, attore nella prevenzione della santé au travail per 30000 salariati, dispone di 9 centri medici  e 2 centri mobili. 4) Maine e Loire, a 152 km da Nantes, cerca un Medico del lavoro per rinforzare l’équipe formata da 6 medici del lavoro. Il nostro cliente, attore nella prevenzione della santé au travail per 22.500 salariati, dispone di 8 centri medici nel Dipartimento. 5) Servizio Interentreprise di medicina del lavoro in Seine e Marne, a mezz’ora da Parigi con orario di lavoro da Lunedì/Giovedi e settore edilizia. 6) Servizio Interentreprise di medicina del lavoro nella regione della Manica, vicino Saint-Malo. Settori: indusia, commercio, terziario.   Per maggiori informazioni inviare una e-mail all’indirizzo: vfarano@persuadersrh.com, all’attenzione della Dott.ssa Farano. Se interessati inviare anche il CV (in italiano o francese).

Annunci

La Società di selezione Persuaders Rivière Consulting, specializzata nel reclutamento di Medici Spec

  La Società di selezione Persuaders Rivière Consulting, specializzata nel reclutamento di Medici Specialisti in Francia, cerca un Medico di famiglia per un suo cliente in Poitou-Charentes.   La città conta 26900 abitanti ed é situata vicino Angers, La Rochelle e Nantes. ben collegata a Parigi (3h).   Il profilo cercato lavorerà in attività libero-professionale in uno studio avviato, ben equipaggiato con sala d’attesa e segretaria. Interessante retribuzione   Requisiti richiesti: Per i Laureati in Medicina dopo il 1994 é necessario il corso MMG Disponibilità al trasferimento in Francia Conoscenza base della lingua francese   Per maggiori informazioni inviare una e-mail all’indirizzo: vfarano@persuadersrh.com, all’attenzione della Dott.ssa Farano. Se interessati inviare anche il CV (in italiano o francese).     – Medico di famiglia in Poitou-Charentes.  La città conta 26900 abitanti ed é situata vicino Angers, La Rochelle e Nante; ben collegata a Parigi (3h).  Il profilo cercato lavorerà in attività libero-professionale in uno studio avviato, ben equipaggiato con sala d’attesa e segretaria. Interessante retribuzione.  – Medico di famiglia in Centro ospadaliero situato in Auvergne, a 12 km da Clermont-Ferrand. Preferibile esperienza ospedaliera.  – Medico di famiglia in Centro di Lotta contro il cancro. Controllo quotidiano dei pazienti nel Servizio di oncologia; Sostegno permanenente degli specialisti in Oncologia; Preferibile esperienza in trattamento della leucemia acuta.   Per maggiori informazioni inviare una e-mail all’indirizzo: vfarano@persuadersrh.com, all’attenzione della Dott.ssa Farano. Se interessati inviare anche il CV (in italiano o francese).

Annunci

La Società di selezione Persuaders Rivière Consulting, specializzata nel reclutamento di Medici Spec

La Società di selezione Persuaders Rivière Consulting, specializzata nel reclutamento di Medici Specialisti in Francia, cerca Anestesisti con buona conoscenza del francese per ottime opportunità di carriera. Attualmente si cercano, con urgenza, Anestesisti nei seguenti dipartimenti francesi:   1) Centro ospedaliero universitario in Picardie, ad 1h40 da Parigi, Cerca 5 Medici anestesisti per i suoi siti, tutti i settori salvo la pediatria. Ai candidati scelti si offrono interessanti prospettive professionali e retributive. 2) Centro ospedaliero in Provence-Alpes-Côte d’Azur, a 140 km da Marsiglia, cerca 1 Medico Anestesista che tratti la chirurgia classica (non cancerologia, non cardiotoracica, non spina dorsale, non neurochirurgia). 3) Centro ospedaliero in Limousin, con 321 letti, cerca 1 Medico Anestesista per supplire al pensionamento di un loro collaboratore. Per maggiori informazioni inviare una e-mail all’indirizzo: vfarano@persuadersrh.com, all’attenzione della Dott.ssa Farano. Se interessati inviare anche il CV (in italiano o francese).    

Annunci

Borgo dei Mastri ricerca Laureati in Medicina e Chirurgia da inserire nel proprio organico per attiv

“Borgo dei Mastri” – Struttura Policentrica e Polifunzionale che eroga prestazioni Socio Sanitarie per la Riabilitazione Psico-Sociale ed il Reinserimento Socio-Familiare di pazienti affetti da Disabilità Mentale – ricerca Laureati in Medicina e Chirurgia da inserire nel proprio organico per l’ampliamento dell’offerta dei propri servizi e/o per attività di Guardia Medica diurna e notturna. Possibilità di collaborazione Libero-Professionale. Gli interessati possono inviare C.V. ai seguenti recapiti: Telefono: 0984/476194-476328 Fax: 0984/476331 E-Mail: info@borgodeimastri.com

Annunci

Richiesta di supporto per ricerca personale medico presso centri estivi in gran bretagna, luglio 201

Trinity, Tour Operator ricerca  personale medico (laurea in medicina e chirurgia) da inserire nei propri college nel mese di luglio per due o quattro settimane, al fine di assistere ragazzi dai 10 ai 17 anni in vacanza studio. Per informazioni: TRINITY GROUP ITALY  SUISSE  UK  – Roberta Randazzo – Marketing Manager – Cell. 349 1669726 E-mail robertarandazzo@trinityviaggistudio.it Informazioni, novità e aggiornamenti al sito www.trinityviaggistudio.it Apertura Uffici Via Don Carlo Gnocchi 4, 20148 Milano: lunedì – venerdì  09:00 – 13:00 / 13:30 – 17:30 Tel. +39 02 48712629     Fax +39 02 48708099

1 2 3 76