Browsing: previdenza

previdenza
By 0

I GIOVANI PROFESSIONISTI PRENDONO POSIZIONE IN TEMA DI WELFARE E PREVIDENZA

Gli unici diritti acquisiti ed intoccabili sono quelli che possono continuare ad essere fruiti da tutti e non possono essere considerati per definizione appannaggio di alcuni, per di più sulla base di un mero criterio anagrafico-generazionale! Chiediamo un’inversione di tendenza dalla logica del diritto acquisito da alcuni a quella dei diritti sostenibili per tutti.

È questa la sintesi del pensiero delle sigle che rappresentano la costellazione dei Giovani Professionisti Italiani (Avvocati, Notai, Architetti, Medici, Commercialisti ed Esperti Contabili, Consulenti del lavoro, ecc.), le cui delegazioni si sono riunite a Roma l’8 febbraio 2012 attorno ad un tavolo programmatico, convocato per dibattere sulle potenziali implicazioni degli annunciati interventi del Governo Monti, a partire dalle riforme su welfare e previdenza (scarica il comunicato stampa).

previdenza
By 0

I Giovani Medici (SIGM) intervengono nel dibattito sulle misure previdenziali proposte dal Governo nel Decreto “Salva Italia”

 

Una lettera aperta è stata inviata al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali per chiedere di fare una riflessione specifica sul futuro previdenziale delle giovani generazioni di medici; Si teme che le misure proposte costringano le Casse Previdenziali ad innalzare le aliquote contributive; tale evenienza rappresenterebbe un’ulteriore barriera all’accesso dei giovani all’esercizio di una piena autonomia professionale


Il Segretariato Italiano Giovani Medici (S.I.G.M.), associazione di riferimento per i giovani medici Italiani, ha inviato una lettera aperta (clicca qui per scaricare la lettera) al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Prof.ssa Elsa Fornero, nella quale non si nascondono le preoccupazioni dei Giovani Medici per le potenziali ricadute negative sulle giovani generazioni di medici conseguenti all’adozione di alcune delle misure proposte nel Decreto “Salva Italia”È lecito prevedere, infatti, come l’imposizione repentina alle Casse Previdenziali di un equilibrio di bilancio cinquantennale ricadrà sulle spalle delle nuove generazioni di professionisti attraverso un significativo aggravio delle aliquote contributive.

1 2