Browsing: Uncategorized

Uncategorized

La Primavera dei Giovani Medici di Medicina Generale

La Primavera dei giovani medici di Medicina Generale Articolo a cura della Dott.ssa Maria Elena Maggiore – Sede Provinciale S.I.G.M. Bari Tutto ha avuto inizio un anno fa: 15 maggio 2012! Dopo anni di inedia e disinteresse, un cospicuo numero di medici iscritti al Corso di Formazione Specifica di Medicina Generale si è dato appuntamento da tutta Italia a Roma, in Piazza Montecitorio, per sensibilizzare le Istituzioni in merito all’infelice condizione dei futuri Medici di Famiglia. Durante la Manifestazione Nazionale, organizzata dal Segretariato Italiano Giovani Medici (SIGM), i giovani medici di Medicina Generale hanno avanzato richieste precise: 1) adozione di un contratto di formazione specialistica, a fronte di un impegno del corsista in attività professionalizzanti nelle strutture assistenziali del territorio; 2) definizione di un core curriculum uniforme in tutte le Regioni in associazione all’introduzione di standard e requisiti finalizzati al monitoraggio continuo della qualità formativa dei corsi; 3) immediata esenzione dalla tassazione IRPEF sulla esigua borsa di studio percepita;   4) revisione delle attuali incompatibilità con la frequenza del corso di Medicina Generale. In tale occasione, si è registrata la presenza di numerose delegazioni di parlamentari di tutti gli schieramenti politici e i primi riscontri non sono tardati a mancare. Difatti, il 6 agosto 2012, è stato insediato presso il Ministero della Salute un tavolo di lavoro sulla “Medicina Generale”, a cui ha preso parte anche una delegazione S.I.G.M., al quale è stato dato il compito di affrontare le criticità che caratterizzano l’attuale sistema formativo  di Medicina Generale. Nei mesi a seguire, grazie all’interessamento di alcuni parlamentari illuminati e sull’onda della manifestazione di primavera, in sede di approvazione del “Decreto Balduzzi” ha trovato collocazione un articolo che ha sancito che: “nell’ambito del Patto di Salute vengono definite modalità, criteri e procedure per valorizzare, ai fini della formazione specifica in Medicina Generale, l’attività remunerata svolta dai medici in formazione presso i servizi dell’Azienda sanitaria e della Medicina convenzionata”. Ma facciamo un passo indietro, per meglio comprendere come si è giunti a questa situazione. Il Corso di Formazione specifica in Medicina Generale è regolamentato da una normativa nazionale, la quale ha sancito che il corso sia di durata triennale e sia gestito dalle singole regioni, e che al termine del periodo formativo i corsisti conseguano un Diploma indispensabile per accedere al ruolo di medico di Medicina Generale in regime di convenzionamento con il SSN. Ciò ha generato un sistema formativo scarsamente professionalizzante, con marcate differenze intra ed inter-regionali, senza programmazione e monitoraggio dell’offerta formativa, e con meccanismi di progressione di carriera attraverso graduatoria che risentono di variabili “ampiamente discrezionali”, ai fini dell’acquisizione di titoli cumulabili e spendibili. I corsisti, ad oggi, vengono costretti ad una condizione di borsisti, privi di adeguati riconoscimenti: economici (Reddito pari a circa 11.000 euro annue, inquadrato da un punto di vista previdenziale come derivante da attività libero professionale,  tanto da essere soggetto a tassazione Irpef e Irap con  CUD annuale), professionali (inibizione dell’attività libero professionale a causa di un inquadramento a tempo pieno della formazione, in realtà occupante 6 ore circa al giorno per l’attività pratica giornaliera, ed 8 ore settimanali per l’attività teorica seminariale presso gli Ordini) e giuridici. Per poter “sopravvivere” i giovani camici bianchi si trovano spesso a contendersi saltuarie sostituzioni di Medicina Generale o costretti ad accettare turni di notte o festivi, sottopagati, in cliniche private o ad espletare altre attività che rientrano tra quelle non compatibili. Ragioni di sopravvivenza, dunque, espongono i corsisti a situazioni di illecito legalmente perseguibile, con tanto di esclusione dal corso o addirittura con revoca del titolo acquisito. Prova ne sono gli effetti “dell’Operazione Galeno”  condotta dalla Guardia di Finanza, a seguito della quale è emerso che la categoria dei corsisti di Medicina Generale è tra le più esposte all’attività di evasione fiscale. La diffusione di tale notizia ha aperto un dibattito, nel quale il S.I.G.M. è intervenuto per ribadire che: il “Contratto di Formazione specialistica” in Medicina Generale appare lo strumento più adeguato per conferire ai giovani medici in formazione il giusto valore professionale ed economico, ma anche per rilanciare il percorso di formazione. Occorrono maggiori investimenti nella formazione dei futuri Medici di Famiglia e sarebbe possibile, oltre che auspicabile, reperirli attraverso un riequilibrio generazionale all’interno del comparto medico, senza trincerarsi dietro l’attesa per l’ottenimento di finanziamenti aggiuntivi. Se è vero che un fiore non fa primavera, non si può però escludere che la tanto auspicata “Primavera” della Formazione Specifica di Medicina Generale sia alle porte.

Uncategorized

contratti regionali: sit-in 30 aprile all’ars

In data odierna si sono riuniti in assemblea i medici in formazione specialistica titolari di contratto a finanziamento regionale iscritti presso le tre Università siciliane. L’Assemblea fa seguito alla recente astensione dalle attività assistenziali ordinarie la cui decisione era stata presa in data 24 Aprile, e condivisa dagli specializzandi regionali, al fine di richiamare alle loro responsabilità le Istituzioni politiche regionali, sia in relazione alle spettanze ed alle obbligazioni dei contratti in essere, sia in relazione ai finanziamenti aggiuntivi da destinare per finanziare nuovi contratti per gli aspiranti specializzanti, anch’essi presenti numerosi all’assemblea. E’ stato confermato lo stato di agitazione permanente, con astensione dalle attività assistenziali ordinarie e garantendo i servizi essenziali, ed è stato programmato un sit-in presso Piazza del Parlamento, sede dell’ARS, in data 30 Aprile dalle ore 10.00, durante la quale gli specializzandi manifesteranno in camice e misureranno la pressione arteriosa ai passanti come forma di protesta. Tale manifestazione risulta necessaria in vista dell’approvazione del testo definitivo della Finanziaria e del Bilancio regionale, al fine di seguire con attenzione la discussione in Aula ed evitare modifiche al testo predetto. A tal proposito, l’Assemblea ritiene opportuno richiedere ai colleghi titolari di contratto ministeriale di continuare ad esprimere concreta solidarietà e sostegno alle iniziative dei colleghi in stato di agitazione. CHIEDIAMO GENTILMENTE AI COLLEGHI DI AIUTARCI NELLA DIFFUSIONE DI QUESTO MESSAGGIO TRA TUTTI GLI SPECIALIZZANDI E ASPIRANTI DELLE PROPRIE SCUOLE.SEGUIRA’ A BREVE UN COMUNICATO STAMPA.   Le Sedi SIGM di Catania, Messina e Palermo

Uncategorized

Contratti regionali: la Commissione Bilancio ARS ha recepito le richieste dei Giovani Medici

Si sono conclusi i lavori della Commissione Bilancio dell’ARS sul Ddl della Finanziaria Regionale e sul Bilancio Regionale. Apprendiamo (Fonte Assessori al Bilancio ed alla Formazione, oltre che numerosi Parlamentari regionali di tutte le compagini partitiche) che al capitolo 417316 “CONTRIBUTO ANNUO ALLE UNIVERSITA’ DI PALERMO, CATANIA E MESSINA PER L’ISTITUZIONE DI ULTERIORI BORSE DI STUDIO PER LA FREQUENZA ALLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE NELLE FACOLTà DI MEDICINA E CHIRURGIA” sono stati previsti i circa 15 milioni di euro necessari per la copertura della spesa corrente relativa ai contratti in essere per all’anno 2013, nonché i fondi utili a garantire la copertura delle obbligazioni pregresse, dovute alle Università per l’estinzione del debito contratto dalla Regione, pari a circa 12 milioni di euro per il 2014 ed a circa 6 milioni di euro per il 2015. Inoltre, con un intervento aggiuntivo, effettuato nella giornata odierna, sono stati impegnati ulteriori 2,8 milioni di euro per il 2013 da destinare al finanziamento di contratti aggiuntivi regionali per l’annualità corrente, da mettere a concorso nel corrente anno accademico 2012/2013 a favore degli aspiranti specializzandi siciliani. Tale risultato, laddove confermato in sede di approvazione finale in aula da parte del Parlamento Siciliano, rappresenterebbe un risultato di straordinaria importanza in quanto: 1) si metterebbero le Università nelle condizioni di garantire un puntuale flusso stipendiale per gli specializzandi di tutti gli anni di corso (anche per l’attuale primo anno) 2) sarebbe disponibile un numero di contratti aggiuntivi regionali all’incirca pari a quelli messi a concorso per lo scorso anno, seppur con la disponibilità finanziaria di copertura relativa alla sola prima annualità. Se questa previsione venisse confermata, la Regione, l’Assessorato alla Formazione in particolare, potrebbe reperire le risorse relative alle ulteriori annualità, attingendo al Fondo Sociale Europeo. Le Sedi SIGM di Catania, Messina e Palermo, pertanto, non possono esimersi dall’esternare soddisfazione per l’operato della Commissione Bilancio, oltre che ancor prima della Commissione Sanità, presso le quali nelle scorse settimane il SIGM è stato ascoltato in formali audizioni, che hanno permesso di documentare le criticità ed i disservizi connessi alla non regolare corresponsione degli stipendi, unitamente alla mancata tutela del diritto all’accesso alla formazione specialistica per i giovani medici siciliani. Le predette audizioni, unitamente alla manifestazione regionale messa in scena dalle Sedi SIGM di Catania, Messina e Palermo in data 22 aprile 2013, hanno consentito di sensibilizzare adeguatamente tanto il Governo Regionale quanto tutti i gruppi parlamentari dell’ARS. Nonostante ciò, però, alla luce delle precedenti esperienze, che hanno fatto registrare in passato un cambio di rotta rispetto a quanto approvato nelle Commissioni Parlamentari in sede di approvazione finale del testo della Finanziaria e del Bilancio Regionale, il SIGM invita tutti i colleghi alla cautela, e propongono di continuare l’astensione dalle attività assistenziali ordinarie, fatte salve le attività essenziali, sino alla conclusione dell’iter parlamentare di approvazione. Il SIGM, inoltre, monitorerà i lavori di Aula, che riprenderanno lunedì 29 aprile 2013, riservandosi, laddove se ne ravvisasse la necessità, di invitare i colleghi specializzandi titolari di contratto regionale e gli aspiranti specializzandi a tornare a manifestare in data 30 aprile 2013 (è stato già ottenuto dal SIGM il relativo permesso all’utilizzo del suolo pubblico), giornata ultima per il completamento dell’iter di approvazione. Le Sedi SIGM di Catania, Messina e Palermo

Uncategorized

Tagli ai finanziamenti regionali per i contratti di formazione: resoconto dalla Commissione Bilancio

Cari Colleghi, sono ancora in corso i lavori della Commissione Bilancio dell’ARS sul Ddl della Finanziaria Regionale e sembra che si protrarranno per tutta la notte. Allo stato attuale ci risulta nel testo in discussione lo stanziamento di 15 milioni di euro per la copertura della spesa corrente relativa ai contratti in essere per all’anno 2013 (comma 2, art 14), nonché all’articolo 25 sarebbe confermata la copertura delle obbligazioni pregresse pari a 12,031 milioni di euro per il 2014 ed a 6,015 milioni di euro per il 2015. Nessuna posta sarebbe stata in atto impegnata per i nuovi contratti. Ci giunge notizia, però, che il Presidente della Commissione, supportato da numerosi altri Parlamentari di tutte le compagini, da tempo adeguatamente sensibilizzati dal SIGM, stia valutando se vi siano i presupposti per impegnare 3 milioni di euro ulteriori da destinare al finanziamento di contratti aggiuntivi per l’annualità corrente: l’idea sarebbe quella di indicare le poste per poi disimpegnarle e riassorbirle con una partita di giro non appena, in un secondo tempo, si desse luogo all’utilizzo del Fondo Sociale Europeo (FSE) per il ciclo successivo a decorso dal 2014. Intanto, il nostro Segretariato sta collaborando a stretto contatto con la Segreteria Tecnica dell’Assessore alla Formazione, alla quale sono stati forniti tutti gli incartamenti del caso al fine di valutare se sia possibile utilizzare da subito circa 3 milioni di euro provenienti dal Piano Giovani, già disponibili per il 2013, da destinare al finanziamento dei nuovi contratti aggiuntivi. In ogni caso, teniamo a sottolineare che quanto sopra, sia in riferimento al pregresso che alla spesa corrente e futura, deve ancora essere soggetto all’approvazione del testo finale da parte della Commissione Bilancio e quindi, sino a quel momento, risulterebbe passibile di modifiche. Ricordiamo, infatti, come la coperta sia corta e come sino al momento dell’approvazione finale della Legge Finanziaria e del Bilancio Regionale tutto potrebbe cambiare. Le Sedi SIGM di Catania, Messina e Palermo, pertanto, invitano i colleghi a continuare l’astensione dalle attività assistenziali ordinarie, fatte salve le attività essenziali, e si riservano di invitare i colleghi specializzandi titolari di contratto regionale e gli aspiranti specializzandi a tornare a  manifestare. Come si evince dai fatti, i tempi di approvazione stanno slittando ben oltre la scadenza inizialmente preventivata per il 27 aprile. Domani il testo del Ddl sulla Finanziaria dovrebbe andare in aula. Nel corso della giornata di domenica è prevista la discussione degli eventuali emendamenti, con approvazione di Finanziaria e Bilancio tra lunedì 29 e martedì 30 aprile, giornata ultima per il completamento dell’iter. Alla luce del timig prima descritto, il SIGM ha provveduto ad opzionare il suolo pubblico per entrambe le giornate di lunedì 29 e martedì 30 aprile, riservandosi di indire un sit in in una delle due date, ovvero di annullare ogni forma di protesta in funzione dello sviluppo degli eventi nelle prossime ore. Ringraziamo tutti i colleghi per la fiducia accordataci anche in occasione di questa complicata vertenza e ci riserviamo di fornirvi eventuali aggiornamenti in tempo reale. Le Sedi SIGM di Catania, Messina e Palermo

Uncategorized

Nuovo Logo per il S.I.G.M. Cagliari!

Cari Soci, la Sede Provinciale del S.I.G.M. Cagliari è lieta di informarVi che è stato realizzato un restyling del Logo dell’Associazione. Il S.I.G.M. Cagliari è stato fondato come Sede Locale nell’Ottobre 2009. Nel Dicembre 2011 è divenuto Sede Provinciale, motivo per cui abbiamo sentito la necessità di aggiornare il logo originario mantenendo il riferimento alla Torre dell’Elefante, simbolo di Cagliari, con una veste che testimoniasse la nostra attività formativa sul territorio. Cogliamo l’occasione per ringraziare il nostro grafico Maurizio Castangia, e tutti i Soci che giorno dopo giorno partecipano alle nostre attività ed ai nostri corsi formativi, dando un contributo importante e fondamentale alla crescita del S.I.G.M. Cagliari. Grazie a tutti voi Il Direttivo S.I.G.M. Cagliari Per iscriversi al S.I.G.M. Cagliari CLICCA QUI  

Uncategorized

Coordinatore Dipartimento Medici Ricercatori

  NOME: Silvio COGNOME: Tafuri CARICA ASSOCIAZIONE: Referente Dipartimento Ricerca CELLULARE: 3483809810 EMAIL ISTITUZIONALE: LOCALITA’: Università degli Studi di Bari Aldo Moro, Dipartimento di Scienze Biomediche ed Oncologia Umana, Bari BREVE CURRICULUM: Nato a Ostuni il 17 agosto 1980, ha svolto i suoi studi presso l’Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Medico Chirurgo, Specialista in Igiene e Medicina Preventiva, Dottore di Ricerca in Igiene Sanità Pubblica e Sicurezza Alimentare, è attualmente epidemiologo presso il Dipartimento di Scienze Biomediche ed Oncologia Umana. È autore di 60 pubblicazioni a stampa su riviste scientifiche nazionali e internazionali (IF>120; H-index=7). Ha ricoperto gli incarichi di Senatore Accademico, Presidente del Consiglio degli Studenti, Consigliere di Amministrazione e successivamente, di componente dell’Osservatorio Nazionale della Formazione Medica Specialistica. Nel SIGM è stato Segretario Generale ed è attualmente referente del Dipartimento Ricerca. LINK PERSONALE AI SEGUENTI SOCIAL NETWORK: FACEBOOK: Silvio Tafuri LINKEDIN  silviotafuri TWITTER silviotafuri

Uncategorized

I Giovani Medici (SIGM) rivolgono 10 domande sul futuro del SSN e delle giovani professionalità mediche ai candidati al Parlamento

Cari Colleghi, pubblichiamo di seguito le “Le 10 domande dei Giovani Medici (SIGM) ai candidati al Parlamento”, formulate in occasione delle Politiche 2013. Il SIGM invita i candidati di ogni schieramento a rispondere alle domande ed a prendere posizione sia sulle criticità ancora irrisolte che investono le giovani generazioni di medici, sia sulle questione di interesse generale per il sistema salute e per la tenuta e sostenibilità di un SSN pubblico, equo, solidale e moderno. Le risposte che perverranno saranno pubblicate sul Portale dei Giovani Medici in ordine di arrivo e saranno oggetto in futuro di Fact Checking da parte del SIGM. Il Consiglio Nazionale SIGM “SCARICA IL PDF DEL TESTO DELLE DOMANDE”

Uncategorized

ricerca per società ad imola medico del lavoro

Sanipiù, Divisione Sanità di Lavoropiù Spa, ricerca per società di consulenza in materia di salute, sicurezza e medicina del lavoro, situata nella zona di Imola, un MEDICO DEL LAVORO per collaborazione in libera professione di due giorni a settimana, con saltuarie trasferte anche fuori regione. Si richiede: partita iva, laurea in medicina e chirurgia, specializzazione in medicina del lavoro, patente B, disponibilità a guidare il camper attrezzato per effettuare visite mediche in caso di trasferte fuori dall’Emilia Romagna. Per candidarsi all’offerta, si prega di inviare il proprio cv alla seguente e-mail: selezione.sanita@lavoropiu.it Lavoropiù S.p.a. – Aut. Min. 1104/SG del 26/11/2004. Il presente annuncio è rivolto ad entrambi i sessi, ai sensi delle leggi 903/77 e 125/91, e a persone di tutte le età e tutte le nazionalità, ai sensi dei decreti legislativi 215/03 e 216/03. Per visionare l`informativa sulla privacy si prega di consultare la sezione privacy sul sito www.lavoropiu.it

Uncategorized

I GIOVANI MEDICI INCONTRANO… I GIOVANI MEDICI IN FORMAZIONE MEDICO SPECIALISTICA

  Cari Colleghi, in vista delle prossime elezioni del 28 Novembre 2012 dei Rappresentanti dei Medici in Formazione Specialistica presso l’Osservatorio Regionale della Formazione Medico Specialistica, la sede SIGM Palermo organizza un incontro tra tutti gli specializzandi referenti di anno delle scuole di specializzazione di Area Medica dell’Università degli Studi di Palermo per analizzare le criticità e le prospettive del percorso di Formazione Medico Specialistico e condividere delle idee comuni da utilizzare come supporto per i Rappresentanti degli specializzandi eletti. L’incontro si svolgerà mercoledì 7 Novembre 2012 alle ore 14.30 presso l’Aula Magna di Ortopedia. Vi aspettiamo Numerosi!!!!! Direttivo SIGM Palermo