SSM19 VADEMECUM E NOVITA’

0

VADEMECUM E NOVITA’ SSM19

All’indomani della pubblicazione del bando per l’ammissione alle Scuole di Specializzazione di area sanitaria, vogliamo fornire ai colleghi che sosterranno la prova un vademecum riassuntivo dei punti salienti inerenti la presentazione della domanda ed il cronoprogramma di questo concorso; nonché una analisi delle novità introdotte.

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE IL PDF RIASSUNTIVO

Due le principali novità di questo bando di concorso:

1) L’introduzione della certificazione di lingua italiana, attestante la conoscenza della lingua italiana corrispondente al livello C1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento delle Lingue (QCER) rilasciata dagli enti certificatori accreditati appartenenti al sistema di certificazione unificato CLIQ (Certificazione Lingua Italiana di Qualità): Società Dante Alighieri, Università per Stranieri di Perugia, Università per Stranieri di Siena e Università degli Studi Roma Tre.
Da bando tale certificazione sarebbe richiesta a tutti i concorrenti extracomunitari, seppur con titolo conseguito in Italia.

Come associazione, sottolineando che da circolare MIUR n. 39 del 21 Marzo 2005, si è dispensati per lavorare in Italia dalla presentazione del certificato CELI 5 (corrispondente al C1) qualora in possesso di una laurea conseguita presso una Università Italiana, abbiamo chiesto al MIUR (ED OTTENUTO) chiarimenti affinché la certificazione in oggetto non vada a riguardare i colleghi extracomunitari con titolo conseguito in Italia. (CLICCA QUI).

2) L’introduzione, con riferimento all’art.10 comma 2 del bando, di una Sessione Straordinaria di recupero finalizzata alla riassegnazione dei posti assegnati a candidati che non hanno perfezionato l’immatricolazione. Potranno ambire a questi contratti tutti i candidati “compresi i candidati già immatricolati e quelli decaduti dalla procedura degli scaglioni di scelta o decaduti dal posto assegnato per mancato perfezionamento dell’immatricolazione” nel rispetto della graduatoria di merito.

Si legge in questo la volontà delle Istituzioni di porre un argine al fenomeno dei contratti assegnati, ma per i quali non venga poi perfezionata l’immatricolazione. E’ una novità a cui guarderemo con attenzione, vigilando sulla sua efficacia e sulla sua realizzazione nel rispetto della meritocrazia.

 

Seppur guardando positivamente al rispetto della tempistiche di attuazione della prova concorsuale, intendiamo comunque sottolineare che molti restano ancora i punti critici e non ancora affrontati della prova di accesso alle scuole di specializzazione di area medica: l’eccessiva parcellizzazione ed eterogeneità nella vigilanza delle sedi concorsuali; il numero di contratti di formazione ancora troppo inferiore al numero di concorrenti e slegato a qualunque ottica di programmazione,  la mancata introduzione di criteri che regolino i requisiti di assegnazione dei contratti SSN e l’incapacità di rispondere al gran numero di contratti abbandonati in corso d’opera e non riassegnati.

Sono ancora molte, troppe, le criticità da colmare per poterci dire soddisfatti di questa prova di concorso e continueremo a batterci affinché esse vengano recepite e risolte.

Intanto auguriamo ai colleghi impegnati in questa tornata concorsuale il nostro più grande in bocca al lupo.

L’Associazione Italiana Giovani Medici S.I.G.M.

Share.

About Author

Leave A Reply