image
sims
Cerca nel Portale
Accedi
Recupera le credenziali.
Registrati al Portale per ricevere la Newsletter ed accedere ai servizi.
S.I.G.M. su...

Chi c'è in linea?
 123 visitatori online
Utenti : 18595
Contenuti : 2361
Link web : 5
Tot. visite contenuti : 10608591
Contatti


Licenze Creative Commons

Notice

CHIARITA DALLA DIREZIONE GENERALE DEL MIUR LA DIFFERENZA TRA ASSENZE GIUSTIFICATE E ASSENZE PER MALATTIA. UN TASSELLO IN PIU' PER GARANTIRE I DIRITTI DEI MEDICI IN FORMAZIONE

La Direzione Generale del MIUR, nella figura della dott.ssa Melina, ha emanato una nota indirizzata ai rettori delle Università Italiane in cui chiarisce che gli “impedimenti temporanei inferiori a quaranta giorni lavorativi consecutivi non rientrino tra le assenze per motivi personali […] in quanto gli stessi, debitamente certificati, sono da ritenersi giustificati ex se in applicazione dei principi generali dell’ordinamento giuridico”. Tali assenze non comportano sospensione della formazione (si ricorda che la sospensione della formazione è prevista per impedimenti come servizio militare, gravidanza o malattia che duri più di 40 giorni).

<<Siamo soddisfatti che la Direzione Generale del MIUR si sia attivata per chiarire la zona grigia che molti Direttori di Scuole e molte Segreterie utilizzavano per spaventare i medici in formazione specialistica. In molti casi - dichiarano i Giovani Medici – ci sono pervenute segnalazioni di colleghi che avevano timore di sottoporsi ad operazioni chirurgiche per potersi concedere una settimana di vacanza estiva. Abbiamo girato tutte le email che ci sono arrivate alla Direzione Generale del MIUR per cercare di smuovere questa situazione e, a quanto pare, la massa di segnalazioni ha funzionato!>>

La nota dovrebbe essere stata recapitata presso le PEC di ciascun rettore già nella mattinata odierna: <<Invitiamo gli specializzandi a far presente, presso le proprie segreterie, del chiarimento inviato alle Università dal MIUR e che stiamo diffondendo anche a mezzo Social – continuano dal SIGM – Hanno finalmente un documento ufficiale con quale difendere i propri diritti. Adesso – continuano i Giovani Medici – vorremmo riuscire ad avere un’interlocuzione con il Ministero della Salute per chiarire anche i diritti dei Corsisti di Medicina Generale>>

<<Ad ogni modo – concludono – ci teniamo a ringraziare la dott.ssa Melina, che ha mostrato comprensione della problematica, e si è adoperata per incaricare gli uffici preposti a chiarire in maniera definitiva la questione. In tempi in cui le Istituzioni vengono percepite lontane, è soddisfacente sapere che si riescono ad ottenere risultati positivi con competenza e collaborazione>>.

 

RIFORMA ACCESSO A MEDICINA: "NO A MODALITA' DI SELEZIONE CHE NON TENGANO CONTO DELLA PROGRAMMAZIONE E CHE NON SIANO OGGETTIVE"

Il Segretariato Italiano Giovani Medici (SIGM) esprime la propria preoccupazione riguardo alla proposta di modifica delle modalità di accesso al Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia preseNtata il 25 Gennaio u.s. dal rettore dell’Università degli Studi di Ferrara, prof. Zauli.

Durante una tavola rotonda tenutasi a Ferrara, il rettore ha proposto un modello di accesso che di fatto vanificherebbe ogni tentativo di programmazione della formazione dei professionisti sanitari in funzione del fabbisogno da parte del SSN. La sua proposta prevede, infatti, l’ingresso di circa 600 studenti, oltre alla quota assegnata a livello nazionale e selezionata mediante il regolare test d’ingresso, che abbiano come requisiti necessari solamente il superamento di un test di autovalutazione psico-attitudinale gratuito e la conoscenza della lingua inglese. Dopo il primo semestre, la possibilità di continuare gli studi sarebbe data a tutti gli studenti con la media uguale o superiore al 27 agli esami del primo semestre.

Questa modalità di accesso da un lato non appare oggettiva: non riteniamo infatti che gli esami universitari, spesso sostenuti oralmente e con criteri di valutazione soggettivi, siano un metodo di selezione imparziale per l’accesso a Medicina. Inoltre, questa proposta abolirebbe di fatto una programmazione degli accessi, perché non prevederebbe più un numero predeterminato di studenti, ma l’accesso a chiunque superi una determinata media.

Da sempre il SIGM sostiene una corretta programmazione degli accessi alla Facoltà di Medicina, per la tutela della qualità della formazione dei futuri medici anche a garanzia dei diritti dei cittadini di ricevere assistenza sanitaria da medici formati con un percorso di alta qualità. È infatti fondamentale una corretta programmazione che tenga conto dei fabbisogno del SSN e della necessità che i futuri professionisti possano ricevere una formazione di alta qualità, con maggiore spazio dedicato alle attività pratiche e professionalizzanti, possibili solo laddove il numero di studenti lo rende possibile.

Un aumento così ampio di accessi, inoltre, non farebbe che aumentare l’imbuto formativo alla fine del corso di Laurea, portando al collasso un sistema in cui già migliaia di medici ogni anno, dopo la Laurea, non riescono ad accedere ad una scuola di Specializzazione  o al Corso di Formazione in Medicina Generale, generando un numero sempre maggiore di Medici Laureati ma senza formazione post Laurea, a forte rischio di disoccupazione o sotto-occupazione, come già avviene oggi.

Il SIGM ribadisce quindi l’importanza di una corretta programmazione degli accessi, e auspica che questi siano calcolati tenendo conto dei fabbisogni del SSN e sempre più proporzionati al numero di contratti di formazione post Laurea messi a disposizione.

Il SIGM vuole inoltre esprimere il suo rammarico per il mancato invito alla “tavola rotonda” tenutasi presso l’Università di Ferrara. Una esplicita richiesta di partecipazione, anche in qualità di semplici uditori, di alcuni membri della nostra Associazione inviata al Rettore dell’Università e al Preside della Facoltà di Medicina di Ferrara è stata ignorata, non ricevendo alcuna risposta. Dispiace per il mancato coinvolgimento, in una scelta così importante, di associazioni come la nostra, che sicuramente avrebbero fornito un punto di vista di chi conosce bene la realtà formativa e lavorativa di studenti di Medicina e Giovani Medici.

Appare inoltre curioso come la stampa locale parli di proposta accolta con l’unanime consenso di tutti gli intervenuti alla tavola rotonda. Un uditorio selezionato, che non prevedesse l’ingresso neanche come uditori, di chi sostiene idee diverse, non può che esprimere parere unanime.

La nostra Associazione ribadisce la sua contrarietà a qualsiasi modalità di accesso alla formazione medica che non rispetti il principio di programmazione e che non avvenga attraverso criteri e modalità oggettive. Ribadisce inoltre la sa disponibilità al dialogo e alla collaborazione in merito a proposte di riforma delle modalità di accesso, che rispondano però necessariamente ai requisiti esposti.

 

DL Semplificazioni: lo stop del Quirinale. Il SIGM: "Pericolo scampato. Adesso collaboriamo tutti per migliorare la formazione in Medicina Generale"

 

Il Dipartimento di Medicina Generale (S.I.Me.G.) del Segretariato Italiano Giovani Medici (S.I.G.M.) esprime soddisfazione per la decisione del Quirinale di frenare l’iter parlamentare del cosiddetto “Decreto Semplificazioni” rinviando dunque le misure riguardanti la Formazione in Medicina Generale.

Riteniamo che in tal modo sia stato scongiurato il pericolo di una modifica delle modalità di accesso alla Formazione in Medicina Generale apportata in assenza di un adeguato confronto con le parti interessate, e che a nostro avviso avrebbe svilito la qualità della formazione e della professione, come da noi evidenziato nei giorni scorsi.

 

In base a quanto risulta dalle notizie trapelate oggi a mezzo stampa, gli emendamenti momentaneamente bloccati verrebbero riproposti in un ddl di iniziativa parlamentare da presentare con procedura d’urgenza.

A tal proposito riteniamo fondamentale che vengano prese in considerazione le opinioni delle associazioni che rappresentano i giovani medici e che più conoscono la realtà e i problemi della categoria.

Pertanto, facciamo un appello a tutte le forze politiche, sindacali ed associative del mondo medico giovanile affinché si collabori per l’elaborazione di proposte che rendano l’accesso alla Formazione in Medicina generale meritocratico, adeguatamente retribuito, rispondente a specifiche esigenze qualitative di tipo formativo e al fabbisogno quantitativo di personale da parte del Servizio Sanitario Nazionale.

Riteniamo che questi siano i cardini fondamentali sui quali elaborare proposte e basare la formazione dei Medici di Medicina Generale del futuro.

 

immage
Tutti i diritti riservati.

I contenuti del Portale sono soggetti
a Licenza Creative Commons.