image
sims
Cerca nel Portale
Accedi
Recupera le credenziali.
Registrati al Portale per ricevere la Newsletter ed accedere ai servizi.
S.I.G.M. su...

Chi c'è in linea?
 55 visitatori online
Utenti : 18595
Contenuti : 2346
Link web : 5
Tot. visite contenuti : 10431178
Contatti


Licenze Creative Commons

Notice

Sentiamo spesso parlare degli Osservatori ma come funzionano veramente?

Il decreto 368\99 prevede l'istituzione di un Osservatorio Nazionale per la Formazione Medica Specialistica che coordini le attività degli Osservatori Regionali.

In seno all’Osservatorio Nazionale trovano posto i rappresentanti degli specializzandi, del MIUR e del Ministero della Salute, dei Presidenti delle Scuole di Medicina e Chirurgia e della Conferenza Stato Regioni. In quelli Regionali, invece, siedono i rappresentanti degli specializzandi, i docenti universitari nelle sedi dove insistono le Scuole di Medicina e Chirurgia e dirigenti sanitari delle strutture della rete formativa con il compito di monitorare e vigilare sulla qualità della nostra formazione post laurea.

In questi anni però solo poche regioni hanno effettivamente dato vita ad Osservatori Regionali funzionali e pertanto l'Osservatorio Nazionale ha dovuto farsi carico di una mole di lavoro che andava ben oltre le possibilità previste.

Ciononostante, grazie anche e soprattutto alle vostre segnalazioni e al lavoro di mediazione della nostra rappresentante in Osservatorio nazionale, molte criticità sono state sanate: l’immagine esplicativa che alleghiamo al presente post spiega, nel particolare, da cosa siamo partiti, cosa abbiamo fatto e quali sono le prospettive future alle quali stiamo lavorando!

Noi però non vogliamo fermarci qui: adesso è il momento di rendere capillari gli osservatori regionali! abbiamo disegnato la geografia di quelli già attivi, quelli da attivare e quelli addirittura da istituire, e abbiamo richiesto di provvedere e sollecitare quanto prima le regioni ancora inadempienti!

Ne va della nostra formazione!

 

La mappa allegata restituisce lo stato attuale degli Osservatori Regionali in Italia.. Se sei uno specializzando e vuoi aiutarci a istituire l'osservatorio regionale nella tua regione, questo è il tuo momento! Contattaci qui -->  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. e ti daremo tutte le info utili!

#accreditamento #osservatori #sitevisits

 

IV Workshop Nazionale del Giovane Medico. A Roma due giorni di Workshop organizzati dal Segretariato Italiano Giovani Medici (SIGM)

Si è tenuto tra sabato 24 e domenica 25 Novembre presso il Policlinico Umberto I di Roma il IV Workshop Nazionale del Giovane Medico; due giorni di confronto e discussione sulle tematiche che riguardano da vicino i Giovani Medici. Un’occasione di approfondimento e di crescita dedicato ai soci dell’Associazione Italiana dei Giovani Medici (SIGM).

Parte attiva dell’evento sia i volti storici che i neofiti dell’Associazione Italiana dei Giovani Medici, in un connubio perfetto di esperienza ed innovazione culturale e sociale.

Nella giornata di sabato, la giornata formativa, i Giovani Medici hanno approfondito i temi di maggiore attualità ed interesse: la formazione specialistica, con la disamina del contratto di specializzazione tra attualità e prospettive future; e la formazione in Medicina Generale alla luce della Campagna “2018 Primary Health Care: Now or Never”, volta a promuovere un nuovo modello di Assistenza Primaria. La costituzione di gruppi di lavoro dedicati ha permesso così lo sviluppo dei temi trattati in chiave interattiva e pratica.

Nella seconda giornata sono stati passati in rassegna gli aspetti riguardanti l’organizzazione interna, i rapporti interassociativi e le collaborazioni esterne, in un confronto di grande interesse sulle prospettive associative. Giornata conclusiva proficua in cui è stato tracciata una linea programmatica tra passato, presente e futuro, ricca di contenuti inerenti le sorti della Sanità Italiana.

Hanno così preso forma idee e progetti con l’obiettivo principale di produrre proposte utili e fruibili al confronto permanente in sede tecnico-politica e di partecipare al dibattito in tema di sanità e salute, dando voce ai Giovani Medici e guidandoli nel loro percorso professionale.

 

“LA FORMAZIONE NON SIA L’ESCAMOTAGE PER RISPONDERE A CARENZE DI ORGANICO”. LA RISPOSTA DEL SIGM AL MINISTRO GRILLO

L’Associazione Italiana Giovani Medici (S.I.G.M.) prende le distanze dalla posizione espressa di rispondere alle carenze di Medici Specialisti attraverso l’impiego/assunzione di Medici in Formazione Specialistica in percorsi di Formazione-Lavoro.

Pur premettendo che siamo in linea con l’assunto che il medico laureato e abilitato sia un professionista, è bene non confondere le competenze del neoabilitato con quelle dello specialista: l’approccio al paziente e alle problematiche specifiche che si possono acquisire con la specializzazione non possono e non devono essere paragonate a quelle di un medico privo di specializzazione.

Lo stesso ingresso dei colleghi in formazione specialistica è, come già ripetuto anche in sede istituzionale, foriero di problematiche da non sottovalutare.

In particolare si precisa che:

-          L’impiego del Medico in Formazione Specialistica per rispondere a pure esigenze di organico è dequalificante per quanto concerne sia l’assistenza che la formazione specialistica;

-          Da un mero punto di vista numerico, il nostro paese non ha carenza assoluta di medici specialisti, ma solo di alcune figure professionali in alcuni territori del Paese: a tal fine, sarebbe opportuno la pubblicazione da parte del Ministero della Salute dei dati ottenuti dalle Regioni nella ricognizione del fabbisogno figure specialistiche e delle previsioni di pensionamento;

-          Sarebbe inoltre fondamentale ed opportuna anche una ricognizione di quei medici che, non operanti nel pubblico o al termine della loro carriera lavorativa, continuano ad operare in strutture convenzionate;

-          In particolare se si configura la fattispecie di una carenza di medici specialisti gli strumenti per rispondere sono legate a stabilizzazioni di chi è già in possesso dei titolo e nuove assunzioni di medici specialisti. Attualmente, invece, spesso Giovani Medici Specialisti si riscoprono precari con forme contrattuali non stabili a fronte di ampia responsabilità richiesta. Inoltre per rispondere adeguatamente, con una prospettiva a medio-lungo termine, urge eseguire una reale e seria programmazione quali-quantitativa: aumentare i contratti di formazione specialistica a fronte delle evidenti carenze è l’unico modo per avere più specialisti.

-          Inoltre le opportunità formative per i Colleghi in formazione specialistica nella rete ospedaliera extrauniversitaria sono note e già esistenti attraverso l’istituzione della rete formativa nel contesto delle scuole di specializzazione e del relativo accreditamento (Decreto Interministeriale n. 402 del 13.6.2017). La rete formativa della scuola di specializzazione è tenuta a rispondere a obiettivi e requisiti identificati dalle normative e deve sottostare ai controlli dell’Osservatorio Nazionale per la Formazione Medica Specialistica e degli Osservatori Regionali. In questa ottica, qualora si evidenziassero strutture capaci di offrire una formazione di qualità siamo a favore di una introduzione nell’ambito della rete formativa delle scuole e della valorizzazione di esperienze in contesti extrauniversitari, purché siano rispettate le garanzie di qualità che la normativa prevede a tutela della formazione dei Colleghi.

-          Richiamiamo inoltre le direttive europee in tema di durata minima del periodo di specializzazione, che per essere considerata valida in territorio comunitario deve rispondere anch’essa a dei requisiti minimi.

Ci teniamo a precisare che siamo disponibili a partecipare a tavoli di lavoro per definire e rendere operative proposte relative alla programmazione quali-quantitativa della formazione post-laurea, in sinergia con il lavoro dell’Osservatorio Nazionale per la Formazione Medico Specialistica.

 

L’Associazione Italiana Giovani Medici (S.I.G.M.)

 

immage
Tutti i diritti riservati.

I contenuti del Portale sono soggetti
a Licenza Creative Commons.