image
sims
Accedi
Recupera le credenziali.
Registrati al Portale per ricevere la Newsletter ed accedere ai servizi.

S.I.G.M. su...

Chi c'è in linea?
 126 visitatori online
Utenti : 18597
Contenuti : 2249
Link web : 5
Tot. visite contenuti : 8462210
Contatti


Licenze Creative Commons

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

AGGIORNAMENTO ITER PRE-CONCORSO SSM2017 E REGOLAMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE (17-18 MAGGIO 2017): approvate due mozioni al CUN e al CNSU

Care Colleghe e cari Colleghi,

in data odierna nelle riunioni del CUN (Consiglio Universitario Nazionale) e del CNSU (Consiglio Nazionale Studenti Universitari) sono state approvate due mozioni inerenti al prossimo concorso SSM17 su cui si sono accesi finalmente i riflettori dopo la nota del MIUR del 13 maggio scorso (leggi precedente aggiornamento).

Nella giornata di ieri, a sorpresa e a discapito di alcuna programmazione, richiesta più volte a partire dall’inizio dei lavori quale metodo per aumentare l’efficacia e garantire una maggiore condivisione del lavoro, sia dalla nostra rappresentante eletta in quota specializzandi sia dai rappresentanti degli studenti, i docenti dell'area 06 (scienze mediche) del CUN hanno avanzato una proposta che prevedeva, inizialmente, una richiesta esplicita al MIUR di abbandonare l'idea di adottare una graduatoria "unica" di merito per i partecipanti al concorso di accesso alle scuole di specializzazione. Nella giornata di oggi, inoltre, tale proposta veniva modificata con una parte della rappresentanza studentesca come segue:

  • Il CUN nel prendere atto con favore della semplificazione del processo di selezione, ritiene innanzitutto prioritario e raccomanda  con forza che vengano adottati tutti gli accorgimenti affinché l’introduzione di modifiche delle modalità di accesso al concorso e il conseguente slittamento della data di espletamento della selezione stessa non determinino ritardi nel regolare avvio delle attività delle Scuole. Ritiene inoltre che se da un lato appare opportuna una consistente riduzione della tipologia delle prove di accesso, dall’altro sarebbe doveroso valutare il suo impatto su aspetti rilevanti che riguardano sia la valorizzazione delle diverse attitudini degli studenti, che la razionale e completa utilizzazione delle borse di studio. In questo senso, una scelta ragionevole appare quella di chiedere al candidato l’indicazione di un numero prefissato di scelte limitato ma ragionevolmente ampio differenziate in due aree. Auspica infine che sia preservato il principio di assegnare una parte del punteggio finale attribuito ai candidati al curriculum dei loro studi universitari, ivi compresa la tesi di laurea.

La nostra Associazione, considerando una conquista non negoziabile l’apertura data dal MIUR sulla graduatoria “unica” nazionale – ottenuta proprio a partire dalle proposte consegnate dal SIGM e dal al Comitato Nazionale Aspiranti Specializzandi (CNAS) – e considerando inaccettabili ulteriori ritardi – possibili qualora il MIUR decidesse di modificare il regolamento del concorso secondo quanto previsto dal testo della mozione CUN, in particolare a causa del mantenimento dell’attuale processo di scorrimento – ha ritenendo parte della proposta non in linea con quello richiesto nei documenti condivisi con lo CNAS, ha deciso unitamente con le altre rappresentanze studentesche di votare contro questo testo, ritenendolo un pericoloso passo indietro rispetto a quanto auspicato e raggiunto in questi giorni.

Successivamente, sempre nel pomeriggio di oggi 18 maggio, la nostra Associazione è stata attiva, assieme alle rappresentanze studentesche democraticamente elette all’interno del Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari (CNSU), nel preparare una mozione condivisa e successivamente approvata da tutto il CNSU che reca testualmente scritta la richiesta:

1.​ ​al M.I.U.R. di perseguire la linea programmatica esplicitata a mezzo stampa nella nota del 13.05 u.s. di cui sopra, orientata alla modifica del concorso di accesso SSM 2017, con particolare riferimento alla nuova graduatoria unica nazionale, non vincolata a scelte per tipologia di area, allo snellimento del test e del peso attribuibile al curriculum e contestualmente che le modifiche da apportare al Regolamento vedano il coinvolgimento pieno delle Rappresentanze studentesche nel CNSU, e comunque esplichi al più presto quale sia lo stato dell’arte rispetto a: - i contenuti della prova - le modalità della stessa - la rimodulazione del punteggio assegnato al curriculum - le modalità di formazione della graduatoria

2. che lo svolgimento delle prove occorra secondo tempistiche opportune ai fini del completamento delle procedure di accreditamento delle strutture e dell’esaurimento delle graduatorie, in modo da scongiurare la perdita di borse di formazione specialistica, prevedendo, se necessario, la possibilità di una anticipazione delle prove concorsuali.

3. che si proceda ad un allineamento coordinato delle tempistiche di emanazione delle graduatorie dei vincitori dei contratti di formazione specialistica e delle borse di formazione specifica in medicina generale al fine di non disperdere risorse;

4. che venga garantita la presa di servizio delle attività didattico-professionalizzanti entro e non oltre il mese di novembre 2017 e che la comunicazione di tale data avvenga con opportuno anticipo;

5. che le modalità di trasferimento siano maggiormente chiarite considerando anche il caso di ricongiungimento familiare con il nucleo familiare non originario.

Pertanto, alla luce dei documenti approvati, da una parte la nostra Associazione esprime soddisfazione e si augura che l'azione promessa e promossa dalla Ministra della Sen. Fedeli possa concludersi nel più breve tempo possibile, dall'altra con rammarico manifesta insoddisfazione verso quella parte del mondo accademico che sembra cercare di arretrare e affossare un sistema che faticosamente, al termine di un quinquennio di grandi riforme sulla formazione post lauream di area sanitaria i cui ultimi tasselli (nuovi criteri di accreditamento delle Scuole di Specializzazione e semplificazione del concorso SSM2017) sembra finalmente avviarsi verso una maggior meritocrazia e trasparenza.

L'Ufficio di Presidenza

Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM)

 

CFSMG nel triennio 2014/2017: il Dipartimento di Medicina Generale (SIMeG) del SIGM chiede l’applicazione del comma 8bis dell’articolo 8 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, N. 502

Care Colleghe e cari Colleghi,

come è noto il Decreto Ministeriale 28 Agosto 2014 e il Decreto Ministeriale 20 Febbraio 2015 del Ministero della Salute, per  esigenze  di funzionalità  dei  corsi , hanno ampliato il termine di utilizzo della graduatoria per l’accesso al Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale 2014/2017 rispettivamente a 60 giorni e 180 giorni. In particolare, il primo dei due decreti ha esteso, in modo permanente, il limite per gli scorrimenti di graduatoria a 60 giorni dall’inizio delle attività, dunque, a partire dal concorso riferito al triennio 2014/2017, ogni anno potrebbero verificarsi iscrizioni al Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale (CFSMG) fino a fine gennaio.

Come effetti di tali disposizioni, chiarendo il Decreto Legislativo che il Corso prevede 36 mesi e almeno 4800 ore di formazione e che tale durata non può essere ridotta, molti Corsisti conseguiranno il titolo attestante la formazione specifica in medicina generale in data successiva al 31 Dicembre del terzo anno trovandosi, di conseguenza, nell’impossibilità di presentare la relativa di domanda di inserimento nelle relative Graduatorie Regionali di Medicina Generale poiché, agli effetti della normativa vigente, possono presentare domanda di inserimento in graduatoria regionale i medici che, entro il 31 dicembre siano in possesso del Diploma di Formazione Specifica in Medicina Generale; va altresì sottolineato che il sistema attuale comporta già un notevole ritardo nell'ingresso al lavoro dei giovani Medici di Medicina Generale dal momento che le domande presentate entro il 31 Gennaio servono alla stesura di una graduatoria utilizzabile, nella migliore delle ipotesi, dall'anno successivo. Il ritardo nel conseguimento del diploma di formazione specifica in medicina generale dilaterà pertanto ulteriormente l'ingresso dei giovani medici di medicina generale nelle graduatorie regionali.

 

AGGIORNAMENTO ITER PRE-CONCORSO SSM2017 E REGOLAMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE (13 MAGGIO 2017)

Care Colleghe e cari Colleghi,

finalmente , dopo ripetute pressioni da parte nostra e dello CNAS, il MIur ha pubblicato in data odierna una nota in cui vengono specificati alcuni importnti principi in vista del prossimo concorso di accesso alle scuole di specializzaizone di area medica:

"Al via il nuovo sistema di accreditamento delle Scuole di specializzazione in Medicina e le nuove modalità di svolgimento del concorso per l’accesso ai corsi. Le nuove regole di accreditamento delle strutture sanitarie utilizzabili per la formazione delle specializzande e degli specializzandi, che si stanno concordando con il Ministero della Salute, prevedono parametri più rigorosi ed efficaci e sono richieste da tempo dal mondo universitario e dagli altri interlocutori coinvolti. Con il nuovo concorso si punta, poi, a dare una risposta alle sollecitazioni arrivate, tra gli altri, dalle associazioni delle specializzande e degli specializzandi, dalla Conferenza dei Rettori, dall'Osservatorio per le Scuole di Specializzazione, dal Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari.

La selezione sarà più ‘snella’ e semplificata, particolare attenzione sarà posta alle questioni logistiche con una minore frammentazione delle sedi d’esame che saranno accorpate per area geografica.
“Abbiamo voluto procedere con le nuove regole - spiega la Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Valeria Fedeli - per garantire che le nuove specializzande e i nuovi specializzandi siano inseriti in percorsi accreditati secondo criteri di sempre maggiore qualità e trasparenza e affinché la prossima selezione risponda di più alle attese delle nostre laureate e dei nostri laureati. Il nuovo regolamento con le modalità di accesso alle scuole recepirà le osservazioni emerse dagli incontri avuti con le associazioni rappresentative dei medici in formazione”.

La scelta di procedere con le nuove regole rende necessaria una diversa programmazione dei tempi del bando di concorso che annualmente è pubblicato entro la fine di aprile. Questo il nuovo cronoprogramma: le Università saranno chiamate a caricare i dati necessari per l’accreditamento delle loro Scuole entro la fine del mese di maggio. Saranno valutati standard, requisiti e indicatori di performance delle strutture. A seguito dell’accreditamento delle Scuole sarà pubblicato il bando per l’accesso ai corsi, tra la fine di luglio e la prima settimana di agosto. Il concorso si terrà in ottobre: servono 60 giorni tra l’emanazione del bando e le prove.

Fra le novità principali a cui sta lavorando il Ministero per la semplificazione delle modalità di ammissione alle Scuole: una graduatoria ‘unica’ nazionale che sostituisca le 50 distinte graduatorie attuali; nuovi contenuti per la prova; un minor peso del punteggio per i titoli; miglioramento della logistica attraverso aggregazione territoriale delle sedi per area geografica"

Quindi:

1) partirà già da quest'anno il sistema di accreditamento delle scuole di specializzazione con i nuovi criteri che porterà, finalmente, a una definizione su base di indicatori quantitativi definiti da AgeNaSANVUR delle unità operative universitarie e ospedaliere facenti parte delle reti formative regionali - e quindi a un aumento della qualità della formazione delle Scuole

2) verranno, con molta probabilità, effettuate delle modifiche  al bando per l'accesso alle scuole di specializzazione, prendendo in considerazione alcune nostre proposte indicate nel precedente incontro del 9 febbraio e sostenute da una petizione di 1100 neoabilitati

3) vengono finalmente fissati tempi certi prt l'esecuzione del prossimo concorso

Esprimiamo quindi grande soddisfazione per la volotà  da parte del Ministero di voler proseguire nell'opera di miglioramento della qualità formativa, in attesa di conoscere le reali novità approvate nel regolamento nuovo.

Nei giorni scorsi, facendo seguito a quanto prospettato nell'ultimo aggiornamento relativo all'iter pre-concorsuale SSM2017 e all'applicazione dei nuovi criteri di accreditamento per le Scuole di Specializzazione, che puntualmente vi abbiamo presentato,  la nostra Associazione e il Comitato Nazionale Aspiranti Specializzandi (CNAS)  hanno richiesto un incontro urgente al Ministro Fedeli per avere rassicurazioni: alla luce di questo comunicato rimane la richiesta di questo colloquio urgente per definire e valutare insieme le modifiche proposte dal ministero.

Il Consiglio Esecutivo SIGM

 

PUBBLICATI IN GAZZETTA UFFICIALE I BANDI REGIONALI PER I CORSI DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE TRIENNIO 2017-2020. AUMENTATE LE BORSE RISPETTO AL TRIENNIO PRECEDENTE!

E' stato pubblicato in data 09 Maggio, sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, IV Serie Speciale n. 35, l’avviso di avvenuta emanazione da parte delle Regioni dei bandi per l’ammissione ai Corsi di Formazione Specifica in Medicina Generale.

La pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dà il via alla presentazione delle domande. Il termine per la presentazione delle domande di partecipazione è di 30 giorni a decorrere dal giorno successivo alla data di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, ovvero entro il 08 Giugno p.v.. Per maggiori dettagli si rimanda ai bandi delle singole Regioni e Province Autonome, che trovate nei link sottostanti.

ABRUZZO

BASILICATA

CALABRIA

CAMPANIA

EMILIA ROMAGNA

FRIULI VENEZIA GIULIA (pag. 58)

LAZIO

LIGURIA

LOMBARDIA

MARCHE

MOLISE

PIEMONTE

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO (scaduto il 21 aprile)

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PUGLIA

SARDEGNA

SICILIA (pag.37)

TOSCANA

UMBRIA

VALLE D’AOSTA

VENETO




REGIONE

POSTI 2016-2019

POSTI 2017-2020

DIFFERENZA

ABRUZZO

20

20

0

BASILICATA

25

25

0

CALABRIA

22

22

0

CAMPANIA

80

80

0

EMILIA ROMAGNA

70

80

+10

FRIULI VENEZIA GIULIA

20

20

0

LAZIO

70

70

0

LIGURIA

35

40

+5

LOMBARDIA

90

100

+10

MARCHE

25

25

0

MOLISE

20

20

0

PIEMONTE

110

120

+10

PR. AUT. BOLZANO

25

25

0

PR. AUT. TRENTO

20

20

0

PUGLIA

80

100

+20

SARDEGNA

30

40

+10

SICILIA

80

120

+40

TOSCANA

80

80

0

UMBRIA

27

30

+3

VALLE D’AOSTA

3

8

+5

VENETO

50

50

0

TOTALI

982

1095

+113

 

Prendiamo atto con disappunto della mancata adozione dei provvedimenti per consentire ai medici neolaureati e abilitandi di poter presentare la domanda per la partecipazione al concorso, come richiesto dalla nostra associazione (LINK). Analogamente  permane l’anomalia del Bando della Regione Sicilia, segnalato dal nostro dipartimento di Medicina Generale (SIMeG), che richiede ai candidati il versamento di un contributo in denaro al contrario di tutte le altre Regioni e della stessa regione Sicilia negli anni precedenti.

 

immage
Tutti i diritti riservati.

I contenuti del Portale sono soggetti
a Licenza Creative Commons.