image
sims
Cerca nel Portale
Accedi
Recupera le credenziali.
Registrati al Portale per ricevere la Newsletter ed accedere ai servizi.
S.I.G.M. su...

Chi c'è in linea?
 136 visitatori online
Utenti : 18595
Contenuti : 2331
Link web : 5
Tot. visite contenuti : 10220502
Contatti


Licenze Creative Commons

Notice

LEGGE DI STABILITÀ: CONFERMATA LA MANCANZA DI INTERVENTI A SOSTEGNO DELLA FORMAZIONE POST LAUREA DI AREA SANITARIA. APPELLO AL GOVERNO PER TUTELARE IL FUTURO DELLA SANITÀ ITALIANA.

Decreto Legge di Stabilità al Senato: i Giovani Medici (SIGM) esprimono grande preoccupazione e sconcerto per la mancanza di interventi a sostegno della formazione post laurea nella versione del Ddl Stabilità 2014 che è  stata votata nella nottata del 27/11 dal Senato e rivolgono un appello al Governo ed alla Camera dei Deputati per modificare il testo. Qualora fossero disattese le richieste del SIGM nel senso di implementare il capitolo della formazione post lauream di area sanitaria per l’a.a. 2013/2014 non rimarrebbe che prenderne atto ed invitare le migliaia di giovani medici e non medici, formati a spese dello Stato Italiano, ad emigrare all’estero.

L’Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM) esprime grande preoccupazione e sconcerto nell’apprendere che gli emendamenti alla Legge di Stabilità di interesse per l’incremento del capitolo di spesa per la formazione specialistica dei laureati in medicina e chirurgia ed in altre discipline di area sanitaria presentati a seguito della manifestazione del 7 novembre u.s. (leggi qui) non sono stati recepiti dal lavoro di sintesi della Commissione Bilancio terminato alle 2.30 della mattinata di ieri. La scelta definitiva del Governo, come paventato nella giornata di ieri, è stata quella di non dare mandato al relatore e di presentare un maxi-emendamento su cui è stata posta la fiducia in sede di votazione in aula.

Il Senato ed il Governo, in questo modo, hanno disatteso le richieste di migliaia di giovani futuri professionisti della salute scesi in piazza per chiedere alle Istituzioni di “Investire sui giovani della Sanità X Investire sul futuro del nostro SSN”. Drammatico il quadro che ne consegue, in un Paese con il 40,2% di disoccupazione giovanile e che proprio oggi l’OCSE ricorda essere il secondo più generoso in relazione al tasso di contributi previdenziali ma tra i più carenti in termini di salari ed aspettative per le giovani generazioni; gravissime, quindi, le ripercussioni sulla già carente programmazione delle risorse umane in sanità e sulla salute dei cittadini.

I Giovani Medici (SIGM), preso atto che la sostenibilità ed il rilancio della formazione post laurea di area sanitaria non è stata ritenuta degna di essere ricompresa tra le priorità all’attenzione dell’Esecutivo in sede di lavori parlamentari al Senato della Repubblica, rinnova un appello al Governo ed in particolare al Presidente On. Letta ed ai Ministri On. Lorenzin, On. Carrozza e On. Saccomanni, affinché con il passaggio del Ddl Stabilità 2014 alla Camera dei Deputati non si ponga la fiducia su un testo blindato ma vengano riconsiderate le proposte emendative utili a scongiurare il rischio di vedere finanziati soltanto 2.500 contratti di formazione a fronte del quadruplo di potenziali concorrenti tra laureati e neolaureati e per trovare soluzione all’annosa questione degli specializzandi non medici iscritti alle scuole di specializzazione di area sanitaria.

Sarebbe poi difficilmente comprensibile, agli occhi delle giovani generazioni di professionisti della salute, se il Governo contenesse il proprio intervento in tema di sanità all’interno della Legge di Stabilità, limitandosi all’autorizzazione di spesa in favore dei Policlinici Universitari privati e non prestasse eguale attenzione alla formazione dei futuri medici e non medici del SSN. In tal caso, non rimarrebbe che prenderne atto ed invitare le migliaia di giovani medici e non medici, formati a spese dello Stato Italiano, ad emigrare all’estero.

Il Consiglio Esecutivo SIGM

 

immage
Tutti i diritti riservati.

I contenuti del Portale sono soggetti
a Licenza Creative Commons.