image
sims
Cerca nel Portale
Accedi
Recupera le credenziali.
Registrati al Portale per ricevere la Newsletter ed accedere ai servizi.
S.I.G.M. su...

Chi c'è in linea?
 69 visitatori online
Utenti : 18595
Contenuti : 2367
Link web : 5
Tot. visite contenuti : 10682196
Contatti


Licenze Creative Commons

Notice

L'ASSOCIAZIONE ITALIANA GIOVANI MEDICI (SIGM) ADERISCE AL Comitato Promotore DELLA PETIZIONE IN DIFESA DEL FUTURO DEGLI STUDENTI ED ASPIRANTI SPECIALIZZANDI IN MEDICINA.

Care Colleghe e cari Colleghi,

è totale l'adesione dell'Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM) al Comitato Promotore dell'APPELLO IN DIFESA DEL FUTURO DEGLI STUDENTI ED ASPIRANTI SPECIALIZZANDI IN MEDICINA, petizione online lanciata sul sito www.medicisenzafuturo.it da un gruppo di studenti in medicina uniti nel "Coordinamento Nazionale Studenti in Medicina per la Ri-FORMAzione" e da laureati in medicina di tutta Italia, organizzatisi nel "Comitato Aspiranti Specializzandi".

L'invito rivolto a tutti i soci del SIGM è quello di firmare e diffondere nel mondo della Professione, dell'Università e di ogni settore della Società Civile la petizione sottoscrivibile pubblicamente tramite il link:

www.medicisenzafuturo.it

Difatti, trovare subito i fondi per far accedere alla specializzazione i giovani medici e gli studenti in medicina italiani è necessario ed urgente non solo per il futuro dei futuri protagonisti della salute e sanità del Paese ma, soprattutto, per garantire agli Italiani la possibilità di essere adeguatamente curati nel prossimo futuro.

<> affermano i Giovani Medici SIGM.

L’iniziativa, supportata oltre che dal SIGM anche dal "Coordinamento Liste per il Diritto allo Studio", nasce per dare risposta a dati diventati ormai impietosi: a fronte di una stima di almeno 9.000 candidati, il contingente di contratti di specializzazione attualmente finanziabili dal Governo Italiano non raggiungerà nella migliore delle ipotesi le 3.500 unità, a cui devono aggiungersi circa 900 borse di studio per la formazione specifica di medicina generale. Ed in assenza di interventi strutturali, il quadro tenderà a peggiorare nei prossimi anni in ragione dell’incremento progressivo degli accessi a medicina, registratosi negli ultimi anni, senza l’adeguamento del capitolo di spesa sulla formazione medica post laurea: “migliaia di giovani professionisti e, in prospettiva, migliaia di studenti in medicina, formati con fatica ed a caro prezzo dalle università italiane, saranno condannati all’emigrazione forzata o alla disoccupazione!

<<Auspichiamo che il presente appello possa trovare il sostegno, attraverso la sottoscrizione, tanto da parte dei portatori di interesse (studenti in medicina, medici neolaureati, medici abilitati), quanto da tutti i medici e dalla società civile tutta>> - affermano i Giovani Medici SIGM che, negli scorsi mesi, sono sempre stati in prima linea e si sono resi promotori di numerose iniziative e proposte volte a sanare il problema:

AZIONI DI SENSIBILIZZAZIONE PROMOSSE FINO AD OGGI DALL’ASSOCIAZIONE ITALIANA GIOVANI MEDICI (SIGM)

L’Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM) ha denunciato più volte la situazione ai Ministeri competenti sia tramite lettere, sia tramite mozioni fatte presentare dai propri rappresentanti in seno al CNSU (Consiglio Nazionale Studenti Universitari) e CUN (Consiglio Universitario Nazionale).

A tal proposito si è fatta promotrice delle seguenti iniziative:

-      Assemblea nazionale dei Giovani Medici, che ha esitato le 10 proposte per rilanciare la professione medica a partire dalle giovani generazioni (Campagna WE LOVE SSN), del 28 ottobre 2012;

-      I GiovaniMediciDay - Cambiare il Paese per non cambiare Paese del 14 maggio 2013;

-      Petizione a sostegno della richiesta di urgente implementazione dei capitoli di spesa relativi ai contratti ed alle borse di studio di formazione specialistica di area sanitaria a finanziamento ministeriale e di formazione specifica in medicina generale, lanciata in data 4 ottobre 2013 (sono state raccolte e consegnate ai Ministri competenti più di 12.000 sottoscrizioni);

-      Manifestazione non sindacale “Investire sui giovani della Sanità x investire sul futuro del nostro SSN” del 7 novembre 2013;

-      II #GiovaniMediciDay del 12 dicembre 2013.


PROPOSTE DEI GIOVANI MEDICI (SIGM)


Per il corrente anno accademico 2013/14 i fondi destinati alla formazione specialistica erano sufficienti a coprire circa 2300 contratti, ma, grazie all’azione di sensibilizzazione della nostra Associazione, in sede di approvazione della Legge di Stabilità 2014 il Parlamento ha stanziato 30 milioni di euro per il 2014 e 50 milioni di euro per ciascuno degli anni 2015 e 2016, da destinare al capitolo della formazione specialistica di area sanitaria. Si stima che tali fondi possano garantire la copertura di ulteriori 1200 unità per il corrente anno accademico 2013/2014, e di 2000 unità per ciascuno dei due successivi anni accademici.

Il finanziamento ottenuto in sede di Legge di stabilità 2014, ottenuto a seguito del II GiovaniMediciDay, pur rappresentando un primo importante passo, rimane però ancora insufficiente per soddisfare il fabbisogno di specialisti e per garantire il diritto allo studio dei giovani medici abilitati. Trattasi ancora una volta di soluzioni tampone, mentre occorrono invece degli interventi strutturali.

I Giovani Medici (SIGM) hanno quindi avanzato e sono impegnati a sostenere le seguenti proposte e richieste per attingere ad ulteriori fondi:

1) SPENDING REVIEW SANITARIA

Proposta di reinvestire i risparmi derivanti dalla spending review sanitaria vengano nel finanziamento di contratti di formazione specialistica.

APPROFONDIMENTI

2) FONDO SOCIALE EUROPEO

Proposta di utilizzare i Fondi Europei, al fine di provvedere tempestivamente alla copertura di contratti di formazione medico-specialistica aggiuntivi e degli oneri relativi all’assegnazione di borse di studio aggiuntive, sia per i medici iscritti al corso di formazione specifica di medicina generale, sia per gli specializzandi non medici iscritti alle scuole di specializzazione di area sanitaria. La Regione Campania ha già fatto ricorso al Fondo Sociale Europeo (programmazione 2007/2013) per il finanziamento di ben 10 milioni di euro per il corrente anno accademico 2013/2014. Se tutte le Regioni dell’Obiettivo Convergenza e dell’Obiettivo Competitività facessero ricordo a tale fonte di finanziamento, che rappresenterebbe peraltro un’opportunità per qualificare la spesa agli occhi della Commissione Europea, si potrebbero reperire le risorse necessarie, ponendo fine a tale annosa vicenda.

Si tiene a precisare che la definizione dell’accordo di partenariato relativo alla programmazione 2014/2010 è ormai prossima (scadenza 22 aprile 2014) e servirebbe un forte ed urgente input governativo presso le Autorità (nazionale e regionali) di Gestione per allineare tutte le Regioni a conseguire l’obiettivo dell’alta formazione in sanità attraverso il ricorso ai fondi europei.

APPROFONDIMENTI

3) CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA’

Proposta di far ricorso al “contributo di solidarietà” (prelievo una tantum dai pensionati e pensionandi titolari di pensioni elevate) per utilizzarne i ricavi derivanti a sostegno delle giovani generazioni di medici.

APPROFONDIMENTI

4)RECUPERO DI RISORSE ATTRAVERSO LA RICONFIGURAZIONE DEL TRATTAMENTO PREVIDENZIALE DEI MEDICI SPECIALIZZANDI

Proposta di dar luogo ad una cessazione immediata per tutti i medici in formazione specialistica dell'attuale duplice inquadramento previdenziale nella Gestione Separata INPS ed in ENPAM (Ente previdenziale dei medici), con un re-inquadramento della contribuzione esclusivamente presso la Fondazione ENPAM,. Ciò consentirebbe di recuperare risorse da poter destinare al finanziamento di contratti e borse di studio per la formazione delle giovani generazioni di medici.

APPROFONDIMENTI

 

 

Su tali presupposti la petizione, rivolta al Presidente della Repubblica, al Premier ed ai Ministri di Università, Salute ed Economia e Finanze, chiede di

reperire ed investire i fondi necessari a finanziare nel 2014 e negli anni accademici a seguire la formazione specialistica e di medicina generale di almeno 6.000 laureati in medicina per ogni anno accademico.

dotare il sistema di strumenti utili a programmare correttamente il fabbisogno di medici e professionisti sanitari, sia a livello centrale che periferico.

"Non risolvere le citate criticità rappresenterebbe un atto di grande miopia, un enorme spreco di risorse pubbliche, di talenti nonchè un regalo ai nostri competitori internazionali."


Per sottoscrivere pubblicamente l’APPELLO IN DIFESA DEL FUTURO DEGLI STUDENTI ED ASPIRANTI SPECIALIZZANDI IN MEDICINA

www.medicisenzafuturo.it

 

immage
Tutti i diritti riservati.

I contenuti del Portale sono soggetti
a Licenza Creative Commons.