image
sims
Cerca nel Portale
Accedi
Recupera le credenziali.
Registrati al Portale per ricevere la Newsletter ed accedere ai servizi.
S.I.G.M. su...

Chi c'è in linea?
 84 visitatori online
Utenti : 18595
Contenuti : 2340
Link web : 5
Tot. visite contenuti : 10379901
Contatti


Licenze Creative Commons

Notice

3 giugno 2014: Mobilitazione Nazionale dei Giovani della Sanità #svoltiamolasanità

3 Giugno 2014: Mobilitazione Nazionale dei Giovani della Sanità

Programmazione, Formazione e Lavoro. Più Merito e Più Trasparenza.

Mettiamo in campo le energie migliori della sanità

Piazza Montecitorio ore 10.00


1) Adeguata programmazione del fabbisogno di medici, di specialisti e di altri professionisti sanitari:

Al pari degli altri Paesi, nell’epoca dell’Europa della libera circolazione di pazienti e medici, l’Italia definisca con metodo rigoroso quanti e quali professionisti formare in relazione al quadro epidemiologico ed all’organizzazione dei servizi socio-sanitari. Si ponga in equilibrio il sistema professionale, garantendo la giusta dotazione di professionalità e quindi tanti accessi alla formazione quanti al mondo del lavoro. Nelle more del ripianamento del preoccupante gap tra le domanda ed offerta, ingenerata dall'adozione di non adeguate politiche di programmazione, si trovino soluzioni per impiegare le giovani professionalità mediche in attività che siano di utili al sistema salute ed alla salute dei cittadini.

2) Accesso a Medicina e Chirurgia basato su numero programmato, criteri oggettivi, trasparenti e meritocratici:

Tutto si può migliorare, soprattutto l'accesso a Medicina. Nessuna barriera ideologica sulle regole e sulle riforme, ma su alcuni punti non si può derogare: accesso programmato, criteri oggettivi, trasparenti e meritocratici, qualità della formazione. Nessuna decisione sia presa di fretta per un sistema che nelle risorse umane ha la sua principale ricchezza, ma si istituisca un tavolo di lavoro tecnico per valutare le criticità e le possibili soluzioni. Si comincino ad orientare i giovani sulla base di un approccio vocazionale, a partire dalle scuole superiori, onde evitare un sovraffollamento "non consapevole" dei corsi di studio, a partire dall'ambito bio-sanitario.

3) Maggiori fondi per la formazione post laurea di area sanitaria ed indizione del Concorso di accesso in tempi rapidi e certi:

Risolvere l’emergenza per scuole di specializzazione, medicina generale e per valorizzare le aspettative ed il lavoro degli specializzandi non medici di area sanitaria. Il MIUR ha annunciato di aver trovato risorse (ecco il Tweet del MIUR)? Bene. Il Decreto Legge Irpef in discussione al Senato in questi giorni è uno strumento normativo adeguato per incardinare le richieste dei giovani della sanità. Due gli emendamenti già presentati su proposta dell'Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM). Si chiede che il Governo li supporti ovvero, alla luce dell'annuncio del MIUR di avere individuato possibili fonti di coperture, che presenti un emendamento governativo al DL Irpef per reperire le risorse necessarie a risolvere l'emergenza. Da troppo tempo siamo in attesa del nuovo Regolamento di accesso. Basta promesse, vogliamo certezze.

4) Nessuna deroga alla qualità della formazione post laurea di area sanitaria. I medici specializzandi non siano tappabuchi delle mancanze di organico né delle Università né del Servizio Sanitario Nazionale:

Si a reti integrate di formazione di qualità, costruite con strutture identificate in modo trasparente a mezzo di indicatori di performance. Sia la formazione il punto di partenza e di arrivo, superando le contrapposizioni in tema di competenze formative specialiste e generaliste. Non si sacrifichi la formazione dei professionisti della salute sull’altare della sostenibilità di assetti storico-politici non più attuali, ma si pongano le basi per cambiamenti di sistema. Si garantisca una formazione vociata al saper fare e che sappia coniugare al clinical management le medical humanities, ponendo sempre al centro dell'assistenza la persona.

5) Sblocco del turn-over immediato e valorizzazione dei giovani professionisti della Salute nel nostro SSN:

Se le risorse più preziose del sistema sanitario italiano sono le risorse umane è su di queste che bisogna investire. Si valorizzino i giovani, favorendone la maturazione professionale e la possibilità di accedere ai ruoli di responsabilità: si adottino modalità di selezione meritocratiche e strappamenti e si liberi la sanità dall'influenza della politica. Accountability, valutazione degli esiti e delle performance. Stop al criterio unico dell'anzianità per la progressione di carriera. Misuriamoci. I giovani professionisti della sanità non hanno paura di farlo.

Ci si impegni tutti nella segnalazione di inappropriatezze e di sprechi per reperire le risorse da re-investire nel sistema salute, a partire dal nostro SSN pubblico, equo e solidale. Si proceda alla depenalizzazione dell'atto medico per superare la medicina difensiva e per eliminare il contenzioso e speculazioni in sanità. Credibilità e fiducia per un nuovo patto con i cittadini/pazienti nascono solo se c'è trasparenza. #weloveSSN

#svoltiAMOlaSANITÀ

(qui il lancio sui contenuti della campagna)

 

immage
Tutti i diritti riservati.

I contenuti del Portale sono soggetti
a Licenza Creative Commons.