image
sims
Cerca nel Portale
Accedi
Recupera le credenziali.
Registrati al Portale per ricevere la Newsletter ed accedere ai servizi.
S.I.G.M. su...

Chi c'è in linea?
 28 visitatori online
Utenti : 18595
Contenuti : 2346
Link web : 5
Tot. visite contenuti : 10431110
Contatti


Licenze Creative Commons

Notice

Richiesta trasparenza bando CSFMG Sicilia

Le sedi siciliane del SIGM chiedono alla Regione Sicilia di mettere in atto tutti i provvedimenti necessari per scongiurare lo scempio dello scorso anno, evitando che nel bando per il CFSMG 2018-2021 regionale venga richiesta un’immotivata contribuzione agli aspiranti medici di famiglia siciliani.

 

Pubblichiamo di seguito la lettera (CLICCA QUI PER APRIRLA) che le sedi siciliane dell'Associazione Italiana Giovani Medici hanno inviato all’Assessore Regionale alla Salute – Sicilia, alla Presidenza della Regione Sicilia, alla Direzione Generale Professioni Sanitarie del Ministero della Salute, e ai Presidenti e Vice presidenti della VI Commissione dell’ARS.

Le sedi siciliane del SIGM chiedono alle Istituzioni regionali, a cui per legge è affidata la Formazione Specifica in Medicina Generale, di mettere in atto tutti i provvedimenti per evitare che si ripeta quanto avvenuto lo scorso anno, ovvero che venga richiesto agli aspiranti medici di medicina generale siciliani un contributo di iscrizione per la partecipazione, da versare su un conto dell’Ordine dei Medici e Chirurghi e Odontoiatri della provincia di Palermo. Benché esista una specifica convenzione tra l’Assessorato Regionale alla Salute e l’OMCeO di Palermo circa gli aspetti didattici del Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale siciliano, non è chiaro il perché del versamento su un conto corrente che non sia della Regione Siciliana.

È opportuno considerare che non sono mai stato chiarite le ragioni alla base di tale contributo, che non ha corrispondenti nel resto dei bandi regionali di accesso ai CFSMG, e che non era presente neanche in Regione Sicilia prima che venisse stipulata la convenzione con l’Ordine dei Medici e Chirurghi e Odontoiatri della provincia di Palermo.

Con l’occasione viene richiesto alla Regione Sicilia inoltre di verificare ulteriori aspetti poco chiari riguardanti sempre la stessa convenzione.

 

immage
Tutti i diritti riservati.

I contenuti del Portale sono soggetti
a Licenza Creative Commons.