image
sims
Cerca nel Portale
Accedi
Recupera le credenziali.
Registrati al Portale per ricevere la Newsletter ed accedere ai servizi.
S.I.G.M. su...

Chi c'è in linea?
 75 visitatori online
Utenti : 18595
Contenuti : 2367
Link web : 5
Tot. visite contenuti : 10682199
Contatti


Licenze Creative Commons

Notice

SIMS - Dipartimento Specializzandi

FORMAZIONE MEDICA SPECIALISTICA: LORENZIN FIRMA I DECRETI PER 6.133 NUOVI CONTRATTI STATALI E PER L’ACCREDITAMENTO DI 27 NUOVE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE DI AREA SANITARIA

Care Colleghe, cari Colleghi,

vi informiamo che il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha firmato oggi mercoledì 4 maggio il decreto che determina il numero complessivo di contratti di formazione specialistica a carico dello Stato per l’anno accademico 2015/2016. I contratti finanziati saranno 6.133 (SCARICA IL DECRETO).

Di conseguenza, rispetto al precedente anno accademico, si registra un aumento di 133 contratti [dei contratti statali], che riguarderà le tre aree funzionali di chirurgia, dei servizi e di medicina. Il decreto è stato trasmesso al Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca e al Ministero dell’economia e delle finanze, per la firma dei Ministri Giannini e Padoan. A questi andranno aggiunti i contratti di altra tipologia tra cui quelli regionali a finanziamento ordinario e attraverso impegno dei fondi strutturali europei (FSE come in Campania e Sicilia come da storica proposta del SIGM).

Sempre nella giornata di oggi, per quanto attiene alla formazione medica specialistica, il Ministro ha sottoscritto anche nove decreti che prevedono l’accreditamento di strutture che compongono la rete formativa delle scuole di specializzazione di area sanitaria, per un totale complessivo di 27 nuove scuole. Tra le nuove scuole di specializzazione tre riguardano l’oncologia medica, due le malattie dell’apparato digerente e due l’endocrinologia e le malattie del metabolismo.

Possiamo ragionevolmente ritenere che dalla necessità di adempiere a tali passaggi e probabilmente da ritardi nel conteggio dei contratti a finanziamento non statale (regionali ed altri) derivi il ritardo che non ha permesso l'emanazione del bando di concorso per l'accesso alle scuole di specializzazione che sarebbe dovuto essere pubblicato entro il 30 aprile u.s.

Nello specifico le nuove scuole di specializzazione di area sanitaria saranno istituite nelle Università degli Studi di Brescia, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, Humanitas University di Milano, Libera Università “Vita Salute S. Raffaele” di Milano, Università degli Studi di Salerno, Università degli Studi di Siena, Università degli Studi di Trieste, Università degli Studi di Udine e Università degli Studi di Ferrara. Anche tali provvedimenti sono stati trasmessi al Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca per la firma del Ministro Giannini.

Vi terremo puntualmente aggiornati sui prossimi passaggi dell'iter pre concorsuale che dovrebbe vedere a questo punto a breve l'uscita del bando.

Dipartimento Specializzandi SIMS

Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM)

 

Bando concorso nazionale specializzazioni 2015/2016: gli aspiranti specializzandi meritano rispetto. Richiesta urgente di chiarimenti sui ritardi e previsione delle date delle prove, pronte iniziative nazionali di protesta

Care Colleghe, cari Colleghi,

prendendo atto che la data del 30 aprile prevista dalla normativa vigente sia stata disattesa senza comunicazione alcuna da parte del MIUR, il Comitato Aspiranti Specializzandi 2015/2016 con il supporto della nostra Associazione ha inviato in mattinata la nota in allegato al Ministro dell'Istruzione, Università e Ricerca al fine di conoscere con urgenza le motivazioni del ritardo e avere certezza delle date dell'iter concorsuale quanto prima (SCARICA NOTA AL MIUR) in quanto è impensabile che migliaia di aspiranti specializzandi possano essere trattati con tale noncuranza.

Soprattutto se, a ridosso della data del 30, preoccupati dall'assenza di informazione, centinaia di colleghi avevano richiesto rassicurazioni inviando oltre 1.500 tweet e un numero imprecisato di messaggi su FB alle istituzioni attraverso il social flash mob organizzato il 26 aprile u.s. rimasto a lungo come trending topic a dimostrazione del grande interesse e della preoccupazione dei giovani camici bianchi italiani e dei cittadini.

Iniziativa alla quale, purtroppo, non è seguita nessuna risposta. Questo desta ancor maggior preoccupazione misti a sentimenti di incredulità poiché il MIUR su altre tematiche rimane estremamente comunicativo mentre l'ultima comunicazione relativa al concorso per l'accesso alle specializzazioni riguarda la richiesta alle Regioni da parte della DG per lo studente, lo sviluppo e l'internazionalizzazione della formazione superiore del MIUR di rendicontazione (e delibera degli organi preposti nei tempi ndr.) dei finanziamenti destinati da ciascuna regione all'implementazione dei contatti "aggiuntivi" a finanziamento regionale (scarica allegato) come puntualmente raccontato dalla nostra Associazione (leggi nota)

In assenza di tempestive comunicazioni recanti motivate ragioni per il ritardo nell’emanazione del bando e un prospetto di date certe per l’iter concorsuale, il Comitato Aspiranti Specializzandi 2015/2016 e l’Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM) si riservano di indire da subito manifestazioni e/o iniziative nazionali di protesta per mettere il Ministero e il Governo tutto di fronte alle proprie responsabilità.

Comitato Nazionali Aspiranti Specializzandi

Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM)

 

Art 22 il no del SIGM allo sfruttamento della formazione

Care colleghe e cari Colleghi,

nella giornata di venerdi 8 Aprile 2016 una delegazione della nostra Associazione ha partecipato a una riunione presso il Ministero della Salute organizzata dalla Direzione Generale delle Professioni Sanitarie in risposta alla richiesta del SIGM di prendere parte alle riunioni del Tavolo tecnico-politico previsto dall’art. 22 del Patto per la Salute.

Alla riunione, tenutasi alla presenza della dott.ssa Ugenti, direttore generale della direzione delle Professioni Sanitarie del Ministero, oltre al SIGM erano state invitate a partecipare anche delegazioni di Federspecializzandi e Coordinamento Mondo Medico nonché le sezioni giovanili dei sindacati ANAAO (medici ospedalieri) e FIMMG (medici di medicina generale) che già sono presenti e siedono al tavolo tecnico-politico.

Come più volte denunciato dalla nostra Associazione (Sole 24 Ore nel 2015, e più di recente QuotidianoSanità e Sole24Ore Sanità) è in atto un tentativo nemmeno troppo velato di ricorrere all'utilizzo di nuova forza lavoro di qualità a basso costo per sopperire alle strutturali carenze di organico di un Servizio Sanitario Nazionale che, tra blocco del turnover e imposizione da parte della Corte di Giustizia europea di sanare le croniche anomalie legate a un monte orario abnorme e alla mancanza del giusto riposo compensativo tra i turni del personale strutturato, è ormai arrivato allo scompenso manifesto.

Anche durante la riunione, come già fatto a mezzo stampa a più riprese, la nostra Associazione si è espressa in maniera molto negativa rispetto alla proposta dell’Intersindacale, puntando il dito sulla situazione degli specializzandi usati come “merce di scambio”, spostati da una parte all’altra come tappabuchi senza tener conto della qualità di un percorso formativo che tutti sembrano voler tenere in secondo piano.

Dalla padella alla brace. Da tempo denunciamo uno scadimento del ruolo del medico in formazione specialistica che sempre più spesso è relegato al ruolo di tappabuchi delle piante organiche delle aziende universitarie, a svolgere mansioni dequalificate ovvero attività troppo rischiose in totale assenza del tutor invece che seguire un vero e proprio percorso didattico professionalizzante utile all’acquisizione di competenze via via crescenti fino alla completa autonomia da medico specialista.

GUARDA IL VIDEO DI STRISCIA LA NOTIZA SUGLI SPECIALIZZANDI CHE OPERAVANO A ROMA IN ASSENZA DEL TUTOR STRUTTURATO

Mancato riformismo, maturità democratica e attivismo. Il SIGM, attraverso la campagna #NotFairNotSafe partita nelle scorse settimane mutuando lo slogan dei colleghi britannici, ha inteso dar vita a un movimento finalizzato a rimettere al centro la tutela della qualità della formazione e il rispetto della sicurezza e informazione dei pazienti (spesso ignari di essere trattati in totale autonomia da professionisti ancora in formazione spesso costretti a districarsi in contesti proibitivi), accendendo i riflettori sui  problemi strutturali di un settore, quello della medical education, dove ogni discussione sembra essere orientata al ribasso.

Continua in ogni caso il supporto della nostra Associazione alla piattaforma www.valutalatuascuola.net campagna di valutazione della formazione specialistica nelle varie Scuole del territorio nazionale che in meno di 3 settimane ha raccolto l’adesione di oltre 2.500 colleghi da tutte le università Italiane. Un’istantanea da parte degli specializzandi sul loro percorso formativo che pian piano sta diventando nitida e che successivamente potrà garantire una bussola orientativa ai nuovi colleghi aspiranti specializzandi al momento della scelta della sede di scuola (comunicato di lancio).

 

#NotFairNotSafe: ecco le principali attività della campagna e il calendario degli incontri in tutta Italia

"Non è tanto quanto si resta in ospedale il problema ma quello che si fa durante l’attività giornaliera e, soprattutto, quanto si apprende. Ne è riprova che nessuno specializzando guarda l’orologio se si trova nel mezzo di un’attività realmente formativa!"

Per il S.I.G.M. quello del monte orario è soltanto uno dei punti affrontati negli ultime settimane in merito alle problematiche della formazione medico-specialistica,  portate  sui tavoli ministeriali  grazie a numerose richieste e petizioni presentate (qui un breve resoconto). Non ci siamo limitati ad accendere i riflettori solo su questa tematica, perché più ampio è  il respiro dei nostri propositi: innanzitutto in attesa dell’uscita del nuovo bando di concorso per l’accesso alle Scuole di Specializzazione Mediche, in collaborazione con il Comitato Aspiranti Specializzandi a.a. 2015/2016, abbiamo inviato un documento di proposte, con soluzioni rapide per garantire maggiore efficienza ed equità di un concorso ancora perfettibile su vari fronti.

In attesa di ciò continua il supporto della nostra Associazione alla piattaforma www.valutalatuascuola.net campagna di valutazione della formazione specialistica nelle varie Scuole del territorio nazionale che in meno di 3 settimane ha raccolto l’adesione di oltre 2.000 colleghi da tutte le università Italiane. Un’istantanea da parte degli specializzandi sul loro percorso formativo che pian piano sta diventando nitida e che successivamente potrà garantire una bussola orientativa ai nuovi colleghi aspiranti specializzandi al momento della scelta della sede di scuola (comunicato di lancio).

E' nostra intenzione continuare nei prossimi mesi a mantenere alto il volume della protesta e della proposta con la campagna #NotFairNotSafe: i referenti delle sedi locali SIGM di tutta Italia stanno inviando ai Direttori delle Scuole di Specializzazione Mediche una lettera informativa (scarica allegato) circa i contenuti della risposta ricevuta dal Ministero della Salute in merito alla turnazione e al rispetto delle attività professionalizzanti; in tale prospettiva stiamo promuovendo l'organizzazione di assemblee informative per sensibilizzare i giovani colleghi sulle tematiche, che con sempre maggiore forza stiamo sostenendo in questi giorni:

CAGLIARI - 17 marzo 2016

CATANIA - 21 marzo 2016

ROMA SAPIENZA - 24 marzo 2016

NAPOLI FEDERICO II - 25 marzo 2016

NAPOLI SUN - 18 Aprile 2016

SALERNO - 9 aprile 2016

ROMA CATTOLICA - coming soon

Invitiamo tutti i colleghi a partecipare alle Assemblee informative che le Sedi Locali dell'Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM) stanno organizzando per affrontare in modo unitario la tematica coordinando l'attività nei vari Atene.

 

Non trovi la tua sede e hai bisogno di informazioni aggiornate da condividere con i colleghi? Scrivi a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. e Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Monte orario, turnazioni e qualità della formazione delle Scuole di Specializzazione

Care Colleghe e cari Colleghi,

ottenuti su ripetuta istanza del SIGM, nell’ordine, il parere dell’Osservatorio Nazionale sulla Formazione Medica Specialistica e la risposta del Ministero della Salute la questione del monte orario e delle attività formative dei medici specializzandi resta sospesa poiché la richiesta di chiarezza sull’orario di turnazione e sulle attività assistenziali va di pari passo con la rivendicazione di una formazione di qualità e del rispetto del status di medico in formazione specialistica.

Ricapitoliamo cosa è accaduto nelle ultime settimane:

1) l’Osservatorio Nazionale per la formazione specialistica, presso cui la nostra  Associazione lavora in maniera costante e pro-attiva,  ha sostenuto nel parere inviato in risposta alla nostra missiva di novembre come la salvaguardia del benessere psicofisico dello specializzando sia una prerogativa imprescindibile nel contesto del percorso formativo del giovane medico in formazione.

2) la risposta ufficiale del Ministero della Salute alla nostra reiterata richiesta circa l’impatto dell’applicazione della direttiva Europea 2003/88 CE sulle attività professionalizzanti degli specializzandi ha confermato che il caposaldo normativo che regola l’attività assistenziale professionalizzante dei medici in formazione specialistica è il Dlgs 368/99. Questo, all’articolo 40, comma 1 recita : “L’impegno orario richiesto per la formazione specialistica è pari a quello previsto per il personale medico del Servizio Sanitario Nazionale a tempo pieno […]” laddove il tempo pieno per i medici strutturati, per definizione, è pari a 38h settimanali (4 delle quali devono essere dedicate all’attività didattica frontale ovvero all’aggiornamento professionale).

RIFLESSIONI: la formazione post laurea è un periodo unico e irripetibile nella vita di un medico. Ne plasma la professionalità e ne definisce le competenze “core” che lo guideranno nell’esercizio della professione. Per questo nella discussione in atto non si può scindere il legame tra monte orario e qualità della formazione: significherebbe confondere i mezzi (percorso didattico-professionalizzante) con il fine (formazione di un medico specialista di qualità)

Non è tanto quanto si resta in ospedale il problema ma quello che si fa durante l’attività giornaliera e, soprattutto, quanto si apprende. Ne è riprova che nessuno specializzando guarda l’orologio se si trova nel mezzo di un’attività realmente formativa!

Per il S.I.G.M., questo è soltanto uno dei punti affrontati negli ultimi giorni in merito alle problematiche della formazione medico-specialistica,  portate  sui tavoli ministeriali  grazie a numerose richieste e petizioni presentate (qui un breve resoconto). Non ci siamo limitati ad accendere i riflettori solo su questa tematica, perché più ampio è  il respiro dei nostri propositi: innanzitutto in attesa dell’uscita del nuovo bando di concorso per l’accesso alle Scuole di Specializzazione Mediche, in collaborazione con il Comitato Aspiranti Specializzandi a.a. 2015/2016, abbiamo inviato un documento di proposte, con soluzioni rapide per garantire maggiore efficienza ed equità di un concorso ancora perfettibile su vari fronti.

Il SIGM continua a ritenere in tal senso fondamentale un rafforzamento dei poteri dell’Osservatorio Nazionale per la formazione medico-specialistica e degli osservatori regionali che, già oggi, potrebbero far molto soltanto riprendendo il progetto delle “site visit” di certificazione delle qualità delle Scuole da troppo tempo inspiegabilmente interrotto.

In attesa di ciò continua il supporto della nostra Associazione alla piattaforma www.valutalatuascuola.net campagna di valutazione della formazione specialistica nelle varie Scuole del territorio nazionale che in meno di 3 settimane ha raccolto l’adesione di oltre 2.000 colleghi da tutte le università Italiane. Un’istantanea da parte degli specializzandi sul loro percorso formativo che pian piano sta diventando nitida e che successivamente potrà garantire una bussola orientativa ai nuovi colleghi aspiranti specializzandi al momento della scelta della sede di scuola (comunicato di lancio).

E' nostra intenzione continuare nei prossimi mesi a mantenere alto il volume della protesta e della proposta: i referenti delle sedi locali SIGM di tutta Italia stanno inviando ai Direttori delle Scuole di Specializzazione Mediche una lettera informativa (scarica allegato) circa i contenuti della risposta ricevuta dal Ministero della Salute in merito alla turnazione e al rispetto delle attività professionalizzanti; in tale prospettiva stiamo promuovendo l'organizzazione di assemblee informative per sensibilizzare i giovani colleghi sulle tematiche, che con sempre maggiore forza stiamo sostenendo in questi giorni (a breve a questo link il calendario aggiornato).

Forti dei grandi risultati ottenuti finora, ma decisi a continuare in questa direzione, manterremo alta l’attenzione su questi temi, spinti dalla volontà di garantire un sempre più  equo e strutturato percorso formativo post laurea in medicina dei colleghi di tutta Italia.

Il Consiglio Esecutivo SIGM

 
Altri articoli...

immage
Tutti i diritti riservati.

I contenuti del Portale sono soggetti
a Licenza Creative Commons.