image
sims
Cerca nel Portale
Accedi
Recupera le credenziali.
Registrati al Portale per ricevere la Newsletter ed accedere ai servizi.
S.I.G.M. su...

Chi c'è in linea?
 48 visitatori online
Utenti : 18595
Contenuti : 2367
Link web : 5
Tot. visite contenuti : 10682175
Contatti


Licenze Creative Commons

Notice

SIMS - Dipartimento Specializzandi

Esame abilitazione messina: ennesimo scandalo CINECA

Care Colleghe e cari Colleghi,

nella giornata di ieri in tutta Italia si sono svolti gli esami per ottenere l’abilitazione all’esercizio della professione medica, meno che a Messina. Errore clamoroso senza precedenti (leggi qui). Quella che doveva essere la tappa finale di un percorso iniziato sei anni fa, si è rivelato un flop;  dal CINECA, infatti, sono giunti all’Università di Messina solo 125 plichi a fronte dei 155 colleghi neolaureati che dovevano svolgere il test.

<<Esprimiamo solidarietà ai colleghi per quanto accaduto ieri durante lo svolgimento delle prove di abilitazione dei Medici di Messina e non possiamo non evidenziare come il CINECA si sia dimostrato per l'ennesima volta partner inadeguato del MIUR. Così come all'alba dello scandalo dell'inversione delle prove che aveva macchiato la prima edizione del concorso nazionale e in vista del prossimo concorso di accesso alle scuole di specializzazione (a.a. 2015/2016) chiediamo con forza l'interruzione di qualsiasi tipo di rapporto tra MIUR e CINECA (leggi qui).>>

N.B. Leggi il comunicato della Sede Locale SIGM di Messina

Il SIGM è e resterà al fianco dei colleghi di Messina che saranno chiamati a svolgere la prova in data differente rispetto al resto di Italia (per di più ancora non resa nota): <<Abbiamo già richiesto al MIUR che lo svolgimento della prova venga effettuato nel più breve tempo possibile onde evitare l’esclusione dalla graduatoria provinciale per l’incarico trimestrale  di sostituto di continuità assistenziale (ex guardia medica) di prossima pubblicazione>>.

Confermiamo d'atro canto che i colleghi che hanno svolto la prova di abilitazione nelle altre sedi non non dovrebbero essere interessati dall'accaduto.

Il Consiglio Esecutivo SIGM

 

AUMENTO ALIQUOTA GESTIONE SEPARATA INPS: RIDUZIONE STIPENDIO NEL 2016

Care Colleghe e cari Colleghi,

vi informiamo che, analogamente agli scorsi anni (LEGGI QUI), per effetto delle Legge 183/2011 (art. 22 comma 1)  a decorrere dal 01/01/2016 sono state ulteriormente innalzate le aliquote previdenziali di tutti gli iscritti alla gestione separata INPS (LEGGI APPROFONDIMENTO SU RIFORMA FORNERO).

Tale aumento per chi è contemporaneamente iscritto ad anche altra gestione previdenziale obbligatoria (quale per i medici l’ENPAM) avverrà in misura pari allo 0,5%. I colleghi specializzandi, dottorandi, assegnisti, borsisti e precari con contratti di collaborazione e a progetto rientrano, dunque, nella suddetta fattispecie e dovranno attendersi, già da questo mese, una decurtazione stipendiale leggermente inferiore a quella patita a partire dal gennaio 2015 (per un medico in formazione specialistica circa 15 euro al mese).

Avvertiamo dunque i colleghi di tale ulteriore alleggerimento dei loro emolumenti e sottolineiamo il grande peso dell’aumento delle aliquote, che val bene la pena di ricordare, non più tardi di 3 anni fa (fino al 2011) erano pari 17% ed oggi si attestano il 24% valore che dovrebbe rimanere fisso fino al 2018. Difatti, la legge di stabilità 2014 ha inserito delle modifiche alla progressione delle aliquote da applicare agli iscritti alla gestione separata. Per effetto di tali modifiche le aliquote da applicare a partire dall’anno 2014 sono così stabilite:

Anno Pensionati o iscritti ad altre forme di previdenza obbligatoria

2011 - aliquota 17,00%

2012 - aliquota 18,00%

2013 - aliquota 20,00%

2014 - aliquota 22,00%

2015 - aliquota 23,50%

2016 - aliquota 24,00%

2017 - aliquota 24,00%

2018 - aliquota 24,00%

Tale ulteriore aumento ci da modo di esprimere nuovamente le nostre “storiche” riflessioni sull'iniquo duplice inquadramento previdenziale dei medici in formazione specialistica, ma anche dei colleghi medici assegnisti e dottorandi, che la nostra Associazione sta cercando di superare e contrastare da anni sia con iniziative di sensibilizzazione delle Istituzioni che con proposte concrete (LEGGI QUI 1) (PROPOSTE PREVIDENZIALI).

Vale la pena ricordare il tentativo fatto nello scorso biennio per poter individuare in ENPAM l’ente unico per il versamento dei contributi previdenziali che, purtroppo, ha registrato la collaborazione degli uffici dell’Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza dei Medici soltanto nella fase interlocutoria di stesura del progetto senza una reale collaborazione che avesse l’obiettivo di supportare i giovani medici nella valorizzazione della propria situazione previdenziale.

I Giovani Medici (SIGM), anche grazie alla presenza in Assemblea Nazionale (https://giovanimediciprevidenti.wordpress.com) tenteranno nuovamente di percorrere questa strada auspicando una differente sensibilità da parte della Fondazione ENPAM nei confronti delle giovani generazioni di medici.

Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM)

 

Resoconto riunione Osservatorio Nazionale 14 dicembre: novità su trasferimenti

Care Colleghe, cari Colleghi,

in data 16/11/2015 la nostra Associazione ha avanzato all’ONFMS una richiesta di monitoraggio dei trasferimenti di sede dei medici in formazione specialistica (vedi allegato) in cui chiedevamo che venissero date delle indicazioni univoche da parte del MIUR sulla concessione del trasferimento da parte del Consiglio di Scuola di appartenenza per risolvere il problema relativo all’eccessiva eterogeneità di interpretazione.

Durante la seduta del 14 dicembre 2016, l’Osservatorio Nazionale, tenuto conto del parere della “Conferenza Permanente delle Facoltà e Scuole di Medicina e Chirurgica” e della “Conferenza Permanente dei Presidenti dei Collegi dei Professori Universitari di Area Medica”, si è espresso in merito alla tematica come segue:

Il trasferimento dello specializzando, da una scuola di specializzazione a un’altra scuola di specializzazione della stessa tipologia:

  • sia consentito previa verifica del rispetto della capacità ricettiva della scuola di specializzazione dell’ateneo di destinazione;
  • sia consentito solo in presenza del nulla osta dell’ateneo di partenza e dell’ateneo di destinazione;
  • sia consentito solo dopo il primo anno di corso;
  • non sia consentito “in corso d’anno”, cioè durante la frequenza di un anno di corso;
  • sia consentito solo in presenza di documentati motivi di salute o personali dello specializzando in ogni caso verificatosi successivamente alla sottoscrizione del contratto.

Tale documentazione sarà resa disponibile agli Atenei ed ai Referenti delle Scuole di specializzazione.

Dipartimento Specializzandi

Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM)

 

Normativa EU su monte orario e riposo fine turno: quale impatto per i medici specializzandi?

Care Colleghe, cari Colleghi,

in merito alla valutazione dell'impatto che il recepimento in data odierna (25 novembre) della normativa EU sul monte orario di medici e professionisti del comparto del Servizio Sanitario Nazionale avrebbe sull'attività assistenziale dei medici in formazione specialistica comunichiamo che a seguito della missiva inviata dal SIGM ai Ministeri e Istituzioni competenti (scarica allegato) l'Osservatorio Nazionale sulla Formazione Medica Specialistica (ONFMS) ha comunicato di aver inserito all'OdG della prossima riunione la problematica (leggi risposta ONFMS a missiva SIGM).

Al fine di poter rispondere quanto prima ai quesiti dei colleghi specializzandi non sulla base di interpretazioni legali ma su pareri istituzionali certi abbiamo nuovamente sollecitato la Direzione Generale delle Professioni Sanitarie del Ministero della Salute e la Direzione Generale per l'Università il diritto allo studio universitario e lo studente del MIUR.

Il Dipartimento Specializzandi del SIGM continuerà a seguire la vicenda dando rapida comunicazione non appena in possesso di elementi utili e definitivi.

Il Dipartimento Specializzandi SIGM

 

Resoconto riunione Osservatorio Nazionale 16 novembre: novità su Reti formative regionali e richiesta monitoraggio sui trasferimenti

Care Colleghe, cari Colleghi,

come anticipato nelle precedenti comunicazioni in data 16/11/2015 si è riunito a Roma, presso il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, l’Osservatorio Nazionale della Formazione Medica Specialistica (ONFMS). Diversi i temi al centro della discussione, tra i principali:

Documento sulle Linee guida "CRITERI PER L’ACCREDITAMENTO DELLA RETE FORMATIVA SSM": a nome dell'Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM), in ossequio con quanto definito dalla Conferenza Stato-Regioni del 18 aprile 2007 art.4, è stata sottoposta in via preliminare la seguente proposta di testo da inserire ad integrazione di tale documento:

"Il medico in formazione specialistica, previo deliberato del Consiglio di Scuola di Specializzazione, che verifica la congruenza con il programma formativo delle proposte di frequenza presso strutture terze alla rete formativa, può frequentare sino ad un periodo di 18 mesi, anche non continuativo, presso strutture complementari o esterne alla rete formativa, in italia ed all'estero. La copertura assicurativa dello specializzando relativa a responsabilità per i rischi professionali, per la responsabilità civile contro terzi e gli infortuni connessi all'attività assistenziale, che ai sensi dell'Art 41 del DLgs 368/1999 e smi è a carico dell'azienda sanitaria presso cui avviene la formazione, laddove la struttura ricevente, per prassi o per normativa vigente nel Paese estero o della Regione Italiana ospitante, non sia disponibile a farsene garante, può essere integrata o vicariata attraverso la stipula di una polizza assicurativa, avente pari finalità, ad opera del medico in formazione specialistica."

Trasferimenti di sede dei medici in formazione specialistica: è stata sottoposta all'Osservatorio Nazionale la proposta di Richiesta di monitoraggio dei trasferimenti di sede dei medici in formazione specialistica (vedi allegato). Riteniamo che il MIUR, nel suo ruolo di coordinamento, fermo restando che non può limitare né l'autonomia universitaria nè il diritto al trasferimento per motivate ragioni del singolo specializzando, dovrebbe tuttavia offrire alle Università delle linee guida e, soprattutto, dovrebbe monitorare, di concerto con l'Osservatorio Nazionale, l'iter di trasferimento in modo da prevenire eventuali situazioni patologiche, nonchè eventuali disparità di trattamento. In atto l'elaborazione di una proposta dell’Osservatorio in tema di trasferimenti degli specializzandi.

Il Dipartimento Specializzandi del SIGM (SIMS) continuerà ad informarvi ed aggiornarvi continuamente sullo stato dei lavori dell’Osservatorio Nazionale della Formazione Medica Specialistica e ad impegnarsi nelle varie sedi istituzionali a difesa e miglioramento della qualità della formazione specialistica.
Dipartimento Specializzandi
Associazione Italiana Giovani Medici
 
Altri articoli...

immage
Tutti i diritti riservati.

I contenuti del Portale sono soggetti
a Licenza Creative Commons.